Pirelli: Hembery: “La strategia ancora piu’ importante in Cina”

Pirelli: Hembery: “La strategia ancora piu’ importante in Cina”

Il Gran Premio di Cina, che vedrà in pista il P Zero White medium ed il P Zero Yellow soft, è una gara tradizionalmente dominata dalle strategie. Inoltre, le diverse sollecitazioni poste dal circuito, con la sua superficie liscia e alcune curve impegnative, come la 13, rendono la combinazione medium-soft la più adatta.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: “Questa è la terza gara in cui portiamo medium e soft; inoltre, dopo i test in Bahrain della scorsa settimana, le squadre stanno cominciando ad accumulare più dati sull’interazione tra le nostre gomme e le nuove vetture 2014. Di conseguenza, la strategia gomme sta diventando un fattore sempre più importante nelle gare, e lo sarà ancor di più in Cina.

Negli anni scorsi abbiamo sempre visto un meteo variabile a Shanghai, quindi la capacità di adeguarsi prontamente alle circostanze sarà la chiave per ottenere il massimo dalLe gomme”.

Jean Alesi, commentatore tecnico Pirelli: “Non conosco molto bene il circuito cinese ma so che è molto divertente, e lo sarà soprattutto adesso che i Team stanno cominciando ad esplorare le capacità e il potenziale delle loro vetture, dopo il primo periodo di sviluppo. Per gli pneumatici questo è molto importante, perché stiamo vedendo come le squadre stiano imparando a sfruttarli sempre di più.

La gara in Bahrain è stata fantastica, quindi se vedremo lotte così serrate, ci attende davvero una bella stagione”.

Come vengono allocati gli pneumatici ad ogni gara:

Gli pneumatici vengono assegnati alle squadre in maniera casuale, con l’aiuto di un codice a barre, attraverso un processo svolto dalla FIA. Il codice a barre è il “passaporto” dello pneumatico, e vi viene incorporato saldamente nella struttura durante il processo di vulcanizzazione, quindi non può essere scambiato. Il codice contiene tutti i dettagli di ciascuno pneumatico, rendendolo tracciabile durante tutto il weekend di gara attraverso il software Pirelli RTS (Racing Tyre System).

La FIA riceve una lista di codici a barre e quindi li assegna random ad ogni squadra.

Pirelli non è coinvolta in alcun modo in questo processo, il che significa che l’azienda italiana non può influenzare l’allocazione degli pneumatici – anche se un rigoroso processo di controllo di qualità assicura che tutti gli pneumatici che escono dalla fabbrica siano del tutto identici.

Una volta sul circuito, le gomme vengono quindi distribuite alle squadre in stretta conformità con l’elenco precedentemente preparato dalla FIA. I codici a barre consentono sia a FIA sia a Pirelli di garantire che le squadre utilizzino gli pneumatici corretti.

Pirelli: Hembery: “La strategia ancora piu’ importante in Cina”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati