Niki Lauda e David Coulthard difendono gli ordini di scuderia della Red Bull

Niki Lauda e David Coulthard difendono gli ordini di scuderia della Red Bull

Gli ex-piloti di F1 Niki Lauda e David Coulthard hanno difeso l’uso degli ordini di scuderia da parte della Red Bull a Silverstone.

Mark Webber era apertamente infelice di questi ordini, tanto da arrivare ad ignorarli, rifiutandosi di stare dietro a Sebastian Vettel durante gli ultimi giri del Gran Premio d’Inghilterra.

Malgrado gli ordini siano legali da quando Jean Todt è alla FIA in qualità di presidente, l’episodio di domenica ha riaperto un vecchio dibattito.

Niki Lauda ha replicato: “Non era per niente sbagliato tutto questo” ha detto l’austriaco a motorsport-magazin.com. “Capisco perfettamente Horner che ha dovuto richiedere questo alla radio, perché era preoccupato delle sue due monoposto. Per me va bene”.

David Coulthard, ex-pilota di F1 e oggi consulente del team Red Bull, concorda con Lauda, anche se capisce che ci possa essere del dissenso.

“Non puoi aspettarti che i team, con dei contratti con gli sponsor milionari rischino di buttare al vento punti preziosi a quel punto della gara”.

Questo gesto di Webber potrebbe però influenzare le sue negoziazioni per un nuovo contratto con la Red Bull. Coulthard rimane tranquillo a questo proposito e dubita anzi che questa reazione possa compromettere un eventuale rinnovo:

Dietrich Mateschitz vuole un combattente, vuole due ragazzi che lottino per le vittorie. Non vuole fighette”.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

46 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati