Mercedes GP: un risultato tutto sommato incoraggiante per i due piloti

Mercedes GP: un risultato tutto sommato incoraggiante per i due piloti

Una gara tutto sommato incoraggiante quella per i piloti Mercedes, che hanno ottenuto la sesta posizione e la nona posizione, tra una collisione tra Schumacher e Kamui Kobayashi, uno stop&go ed una solida rimonta da parte del sette volte campione del mondo.

Nico Rosberg, 6o: “Sono abbastanza soddisfatto del nostro risultato questo weekend. Prima di tutto perché in qualifica avevamo il potenziale per essere nella top five, e poi perché abbiamo avuto una strategia veramente buona in gara. La mia partenza non è stata buona, quindi arrivare sesti è stato un buon risultato per noi. E speriamo che sia l’inizio di un miglioramento, prima della nostra gara di casa in Germania, quindi non vedo l’ora di migliorare la nostra performance al Nurburgring. Nei prossimi giorni, analizzeremo tutto il weekend con i nostri nuovi aggiornamenti alla macchina e lavoreremo duro per migliorare ancora di più”.

Michael Schumacher, 9o: “Il mio risultato è un po’ un peccato, e certamente non sono contento di questo. Penso che un quinto od un quarto posto non sarebbero stati fuori portata oggi, grazie al lavoro superbo fatto dai ragazzi a Brackley e a Brixworth. Avrei così tanto voluto portare punti in più questa sera alla fabbrica, in quanto avremo un barbecue con le loro famiglie. Sfortunatamente, e per colpa mia, non potrò. Ho usato il DRS per la prima volta in gara e sono arrivato troppo lungo. Ho sottovalutato l’effetto, la frenata non è stata buona e questo è il motivo per cui c’è stata la collisione. La penalità è stata giusta, ma non so perché sia stato uno stop&go, anziché un drive through, vorrei capirlo meglio, perché mi è sembrato troppo. Comunque, la cosa buona è che passo dopo passo, il lavoro del nostro team ci sta ripagando sempre più ed ho buone sensazioni verso la nostra prossima gara di casa”.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

130 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati