Mercedes, Hamilton: “Capisco Nico, dura essere mio compagno di squadra”

"Mi godo ogni momento, nei prossimi anni sarà più difficile vincere" ha dichiarato un entusiasta Lewis

Mercedes, Hamilton: “Capisco Nico, dura essere mio compagno di squadra”

Lewis Hamilton totalmente in estasi per il terzo titolo iridato. Quel mondiale cercato, voluto, bramato sin dall’esordio, perché lo avvicina ai più grandi, gli fa pareggiare le corone dell’idolo Senna, lo mette dritto nell’Olimpo della Formula 1.

“Non so se è iniziata la mia era, io costruisco tutto mattone dopo mattone, credo che la pietra più importante l’abbiamo messa nel 2014 – ha affermato Lewis – Quest’anno è stato tutto meraviglioso, mi voglio godere ogni attimo di questa stagione incredibile perché sono consapevole che già dall’anno prossimo sarà più dura ripetersi”.

Hamilton si è anche soffermato sul lancio del cappellino da parte di Rosberg nel retro-podio, sulla generale freddezza del compagno tedesco nei suoi confronti. E’ un Hamilton “comprensivo”, ma non certo umile, soprattutto quando afferma di comprendere le ragioni di Rosberg perché non è facile correre al fianco di un pilota forte come lui.

“Capisco la rabbia di Nico; essere mio compagno di squadra è una delle cose peggiori che può capitare – ha dichiarato con un pizzico di malizia Hamilton – Ad Austin Rosberg era deluso con se stesso per il suo errore. Quando sbagli così è insopportabile, forse io l’avrei preso lo stesso in pista perché avevo gomme più fresche, ma certamente il suo errore mi ha reso la vita più facile. Normale fosse molto arrabbiato nel dopo gara”.

Antonino Rendina

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

7 commenti
  1. mirco015

    28 Ottobre 2015 at 10:55

    Grandissimo anche davanti ai microfoni,anche in questo ricorda molto senna.

  2. Pedro33

    28 Ottobre 2015 at 13:32

    beh io gli metterei alonso come compagno di squadra dato che dopo la parentesi mclaren e gli finito sempre davanti al mondiale salvo questi 2 ultimi 2!

  3. pippo

    28 Ottobre 2015 at 14:56

    dura avere un compagno come Hamilton, ma facile avere un compagno come Rosberg. Vero Button?

  4. Daytona

    28 Ottobre 2015 at 18:15

    Delle traduzioni dei media c’è ben poco da fidarsi,in ogni caso anche se la dichiarazione fosse letteralmente questa,per spavalda che sia non gli si può certo dar torto, e Nico non è certo un fermo!

  5. attilio

    28 Ottobre 2015 at 23:13

    che nico non sia un fenomeno siamo d’accordo.
    però un po’ di rispetto per il suo compagno di squadra sarebbe giusto. poiché se Hamilton avesse trovato un altro compagno di squadra un po’ più cattivo, la toccata con le ruote anteriori alla prima curva che hanno costretto Rosberg ad andare largo e perdere alcune posizioni, credo che probabilmente non finiva così. poi per favore, avrà vinto 3 campionati come senna, ma non facciamo confronti.
    Hamilton deve solo ringraziare la mercedes
    che gli ha messo vicino Rosberg, altrimenti oggi forse parlerebbe diversamente.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati