Massa: Lavorare giorno e notte

Massa:  Lavorare giorno e notte

Dopo la Cina, Felipe Massa si e' recato a Dubai e poi ad Abu Dhabi per presenziare ad alcune attivita' organizzate dai partner. Oggi pero' era gia' a Sakhir a confrontarsi con i media. “Certamente sono molto dispiaciuto per quello che e' successo in Cina e sono consapevole del fatto che non abbiamo ancora realizzato punti” ha affermato il pilota della Scuderia Ferrari Marlboro, quando gli e' stata posta la domanda sul suo ritiro di domenica scorsa. “Questo episodio non mi impedira' di concentrarmi sul mio lavoro per cercare di migliorare la situazione”.

Dopo aver corso senza il Sistema di Recupero dell'Energia Cinetica a Shanghai, la Scuderia sta lavorando per la reintroduzione di questo elemento chiave . “Useremo ancora una volta il KERS domani e spero che vada tutto bene, senza nuovi problemi, se fosse necessario lo proveremo per tutto il fine settimana”, ha confermato Felipe. “Abbiamo compreso i problemi che abbiamo avuto e ci sentiamo abbastanza sicuri per rimetterlo sulla vettura. Su questa pista, i dati suggeriscono che il KERS potrebbe regalarci quattro decimi di secondo di vantaggio a giro, fino ad arrivare a mezzo secondo durante le qualifiche. Quali sono le nostre aspettative per quel che riguarda la griglia? Se lo sapessi, sarebbe tutto piu' semplice! Se la pista si dimostrera' favorevole alla nostra vettura e le gomme offriranno buone prestazioni, ci troveremo in una posizione migliore rispetto al week end scorso. Ma questo non lo possiamo sapere con certezza ed e' possibile che soffriremo ancora. All'interno della squadra vogliamo tutti uscire da questa situazione, lavorando giorno e notte per migliorare la vettura e superare i problemi di affidabilita' che si sono presentati”. Tutti i discorsi, in questa stagione, si sono concentrati sul KERS e sul doppio diffusore, ma in Cina, il primo e il secondo posto sono stati occupati da vetture che non avevano nessuno di questi elementi. A Felipe e' stato chiesto di dare una spiegazione a cio'. “E' semplice, significa che hanno la macchina migliore. Comunque, dobbiamo pensare che la Red Bull ha vinto una sola gara sul bagnato e la Brawn ha vinto due Gran Premi e si e' sempre piazzata a punti, usando il doppio diffusore. Inoltre, guardando al serbatoio carico che Vettel aveva alla partenza, forse non avrebbe vinto se la gara fosse stata sull’asciutto. Non si possono ancora fare paragoni fra le Brawn e le altre monoposto in quanto, a Shanghai, il fattore pioggia ha cambiato tutto. Dobbiamo aspettare ancora qualche gara per avere un'immagine chiara di quale sia la vettura migliore, anche se, al momento, la Brawn e' la monoposto da battere”.

La Scuderia ha dichiarato che verranno utilizzate nuove componenti aereodinamiche gia' a partire dal Gran Premio di Spagna, ma a differenza degli anni precedenti, non ci saranno test in pista dei nuovi elementi, visto che da quest'anno sono proibiti durante la stagione. “Non dovrebbe essere un problema” ha affermato Felipe. “Solitamente se le modifiche aereodinamiche che vengono validate in galleria del vento, funzionano anche in pista. Il problema principale della mancanza di test, a mio avviso, non e' legato tanto alle prestazioni, quanto all'affidabilita'”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati