Lauda: “Hamilton sta esagerando. Se non fa punti, non vince i Mondiali”

Lauda: “Hamilton sta esagerando. Se non fa punti, non vince i Mondiali”

Niki Lauda ha spiegato a Lewis Hamilton le basi con le quali si vince un titolo mondiale, partendo dal portare a termine le gare ed è qualcosa che può imparare dal compagno Jenson Button.

Hamilton ha avuto un’altra gara un po’ complicata in Belgio, ritirandosi per un incidente con Kamui Kobayashi. Questa collisione gli è costata molti punti, facendolo scivolare il pilota in quinta posizione nella Classifica Piloti.

Button, al contrario, nel Gran Premio del Belgio, ha disputato un’ottima gara, da tredicesimo fino ad arrivare sul podio.

“Lewis potrebbe imparare da Button” ha dichiarato al Sunday Express. “Lewis è molto forte in qualifica ed è il pilota più veloce, ma in Belgio è stato Jenson ad arrivare terzo”.

“Non si vincono campionati facendo incidenti, guardate Sebastian Vettel, non fa errori ed è per questo che sta vincendo anche quest’anno il titolo. Si può discutere sul fatto che abbia la macchina più veloce, ma guardate Lewis e Jenson”.

“Button è davanti perché sta portando la macchina al traguardo ed ottiene punti. E’ molto frustrante per Lewis anche perché lui è uno dei tre migliori piloti in F1. Non vi sono dubbi al riguardo”.

“Sta esagerando, però. Se non fai punti, non vinci i mondiali” ha concluso Lauda.

Anche Sir Jackie Stewart è d’accordo con l’austriaco: “Ammetto che Lewis è molto aggressivo, ma ha avuto troppi incidenti quest’anno. Se continua così, tutto questo influenzerà i suoi risultati. Deve uscirne in fretta”.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

60 commenti
  1. Kimi F1

    5 Settembre 2011 at 18:58

    Oh e basta è vero che ha fatto molti incidenti tra cui alcuni stupidi ma non è che il primo che si trova gli rinfaccia il fatto di essere aggressivo a di provarci sempre

  2. MikeCTF (tifoso Ferrari)

    5 Settembre 2011 at 19:06

    Tra Lauda, Marko e Berger abbiamo fatto l’en plein di austriaci chiacchieroni in cerca di rinnovata notorieta’… Mobbasta pero’!!
    Se posso dare uno spunto, per me in questo momento Luigino soffre un po la costanza e l’ottimo rendimento di Jenson… E meno male che qualcuno l’ha chiamato paracarro!

    • Alef1fan

      5 Settembre 2011 at 19:09

      Lauda sta addestrando il suo allievo Berger. Pian piano riuscirà a sparare stronz*te al suo livello!!

      • MikeCTF (tifoso Ferrari)

        5 Settembre 2011 at 19:15

        Una coppia da urlo! Magari Bernie ci vede il business e li fara’ protagonisti degli eventi di corredo ai gran premi!!

      • Fernando

        5 Settembre 2011 at 19:48

        Se il caro Lewis Hamilton non si fosse stampato contro Massa a Monza e contro Webber a Singapore, per non considerare la sua spavalderia in Corea (perché la safety car in pista, si può correre!) e poi si fa passare da tutti… lo scorso anno Vettel il mondiale non lo avrebbe vinto…

      • Luca M

        5 Settembre 2011 at 22:49

        @Fernando: Veramente bastava il semplice terzo posto di Monza per far vincere il mondiale a Lewis Hamilton. Probabilmente se non si fosse toccato con Massa sarebbe arrivato anche davanti, ma ipotizzandolo terzo il Mondiale sarebbe stato suo. Infatti avrebbe avuto 15 punti in più, e Vettel due in meno. A fine anno Vettel ha vinto con 16 punti di vantaggio su Lewis…

      • luca

        6 Settembre 2011 at 15:24

        per fernando: a singapore è stato webber a speronarlo, guarda bene le immagini!!! ed a Monza il 50% di colpa era di Massa

  3. sandro

    5 Settembre 2011 at 19:10

    ma insomma cosa c’è in Austria una riunione perenne di giornalisti che raccolgono dichiarazioni dei tre dell’apocalisse? (Lauda Berger Marko)

  4. GiuseppeT

    5 Settembre 2011 at 19:13

    “Se non fai punti, non vinci i mondiali” ha concluso Lauda.

    Vai mister ovvio…

  5. 7

    5 Settembre 2011 at 19:20

    c’ è chi critica Hamilton, c’ è chi critica Alonso e c’ è chi critica Vettel. ogniuno ha le sue opinioni, fattevene una ragione.

    • MikeCTF (tifoso Ferrari)

      6 Settembre 2011 at 12:03

      E’ per questo che esprimo la mia che ben di rado e’ concorde con quella del trio austriaco.

  6. michele

    5 Settembre 2011 at 19:25

    NON MI TOCCATE HAMILTON!!!!!!!!!!!!!
    MAGARI FOSSERO TUTTI COME LUI…, SAREBBE UNA GRANDE FORMULA 1, FATTA DI CAMPIONI.
    GENTE CHE OSA SEMPRE, CHE VA OLTRE IL LIMITE.
    GLI IMPIEGATI NON LI VOGLIAMO E TU CARO LAUDA, …COSA PUOI INSEGNARLI? ….FORSE AD USARE IL PALLOTTOLIERE!
    E NON MI PORTARE AD ESEMPIO VETTEL, …CHE MI FAI VENIRE IL SANGUE ALLA TESTA!!!!!!!!!!!!
    COME FAI A PARAGONARLI?
    VETTEL NON SBAGLIA…, CERTO..CON QUELLA MACCHINA HAMILTON FAREBBE UN CENTRO DOPO L’ALTRO!
    FAMMI IL PIACERE, ..LASCIA PERDERE CHE PRENDEVI PAGA DA GILLES TUTTI I GIORNI!

    • lettore

      5 Settembre 2011 at 19:45

      purtroppo prende paga ancora oggi che gilles è morto… le leggende non scompaiono e gilles ha dimostrato che non bisogna vincere per diventare leggenda

    • Roby

      6 Settembre 2011 at 01:21

      lauda ad hamilton ha mille cose da insegnarli..
      e non toccare gilles, che siamo in altri fronti qui..
      comunque hamilton ha avuto la macchina piu competitiva nell’anno in cui ha vinto Raikkonen, e l’ha preso abbondantemente nel culo.. quindi prima di parlare pensa..

      • michele

        6 Settembre 2011 at 11:46

        Penso sempre prima di parlare, te lo assicuro.
        Per quanto riguarda Gilles, lo tocco quando mi pare visto che ero suo tifoso quando correva, ed allora correva anche Lauda, con tutto il rispetto, che seppur concreto ed esperto, non rispecchia il concetto che ho di un pilota di F1.
        Gilles gli passava sopra come un treno.
        Poi mi parli del 2007, anno del debutto di Hamiton. Secondo me ha fatto anche troppo. Forse dovresti vedere cosa hanno combinato i tuoi pupilli, che mi immagino quali siano, al loro debutto in F1.
        Debuttare con una Mc laren e con Alonso in squadra non è facile, ma mi pare che il ragazzo abbia fatto molto bene, non avendo alcuna paura e dimostrando di aver già esperienza da vendere.
        Se guidi un F1 e non sei irruento e coraggioso, sei bell e che morto. Morto nel cuore dei tifosi, anzi non sei mai nato!!!

      • michele

        6 Settembre 2011 at 11:54

        Nel 2007 Hamilton, debuttante, è finito secondo, fermandosi ad un solo punto da Raikkonen e superando il compagno di squadra Alonso per maggiori piazzamenti.
        Credo che dovresti essere tu a pensare meglio prima di dire certe cose di Hamilton.

      • pat

        6 Settembre 2011 at 12:05

        Scusa roby se intervengo: posso capire che non ti piace hamilton ma un linguaggio più pulito sarebbe apprezzato da tutti! hai fatto quasi perdere la pazienza a michele che è uno dei più moderati e preparati!

      • luca

        6 Settembre 2011 at 15:27

        nel culo l’ha preso Massa l’anno dopo e se non fosse stato per la spietta spagnola anche il 2007 sarebbe stato di Hamilton debuttante. pensa due volte prima di scrivere

      • lettore

        6 Settembre 2011 at 20:30

        gentile come molti qui dentro che rispondono così a chi pensa diversamente ne roby?
        ma tu gilles l’hai mai visto correre?

      • michele

        8 Settembre 2011 at 10:59

        A questo si può sempre rimediare.
        Se non l’ha visto correre.
        Monaco 1979: Lauda vs Gilles Villenueve:

        http://www.youtube.com/watch?v=aL0K8F44h7M

  7. TIFOSO ALONSO E RAIKKONEN

    5 Settembre 2011 at 19:44

    giusto se sbagli non vinci, però ha ammesso che lewis è tra i migliori 3, anche se secondo me lewis è superiore a vettel, e leggermente inferiore ad alonso perchè usa poco la testa, se la mette a posto è ai livelli di nando..

  8. lettore

    5 Settembre 2011 at 19:46

    domanda allo staff
    scusate che bisogno c’è di mettere due articoli simili?

  9. Sembee

    5 Settembre 2011 at 19:53

    Quante baggianate sparano questi ex piloti… Finchè la McLaren è stata da titolo mondiale, Lewis ha sempre vinto tanto, e molto bene tra l’altro.
    Da qualche anno l’auto è forte, ma non da mondiale, diciamo che è dal 2010 che è la seconda auto più forte, ma non basta.
    Questo induce la necessità di guidare oltre il limite in primis, e induce anche molta frustrazione in un giovane rampante come Hamilton.

    Vettel, pur con la stratosferica Red Bull del 2010, ha sbattuto e sbagliato una miriade di volte, ed ha vinto il mondiale all’ultimo tuffo per il suicidio sportivo di Ferrari e di Webber.

    Cosa farebbe Vettel con una McLaren 2011, ed Hamilton con una Red Bull 2011?
    La risposta la sappiamo tutti.

    • Mattia

      6 Settembre 2011 at 09:40

      Se non ricordo male, nel 2010 l’unico incidente di Vettel causato dal pilota è stato quello del Belgio contro Button. Tutti gli altri ritiri erano dovuti alla Red Bull fragilissima.

  10. salvo

    5 Settembre 2011 at 19:56

    …perche gli austriaci sono cosi patetici…e questo marko da dove viene???? sara’ forse ilnuovo grillo parlante della f1…che noia…forza lewis…sei 1 grande…

    • 7

      5 Settembre 2011 at 20:24

      Marko è un ex pilota…

      • Frenk

        5 Settembre 2011 at 22:27

        E chi lo ha mai sentito nominare?
        Oops!(sarà per questo che parla tanto?)

      • LF1

        6 Settembre 2011 at 11:50

        e di che? Forse di “cani da slitta”?

      • 7

        6 Settembre 2011 at 12:04

        ha guidato due stagioni di f1, poi ha lasciato le corse dopo un incidente: una pietra gli ha attraversato il casco e gli ha colpito l’ occhio. se proprio volete insultare qualcuno almeno informatevi un pò.

      • visce5schumythebest

        7 Settembre 2011 at 09:59

        marko era uno dei grandi piloti delle sport prototipi guidando Alfa romeo, anzi veniva dalla scuola AutoDelta assieme Facetti, Galli, Giunti, De Adamich…

        Marko sapeva come andare…ed è come!!!!!

  11. Lh

    5 Settembre 2011 at 20:11

    ahah Lauda, un’altro tassista della domenica, se non si fosse ustionato la faccia non avrebbe mai fatto scalpore e sarebbe ricordato a stento tra i tanti…rimangono nella storia i piloti che fanno emozionare e anche se non vinci 7 mondiali se eri un grande combattente in pista verrai sempre ricordato, e Lewis lo sarà..vettel no, schumacher si sta sputtanando e ci sta mostrando come con una macchina mediocre il talento non c’è mai stato..pff e vettel lo stesso quando ritornerà con macchine nella media, Lewis è il valore aggiunto, come anche Alonso.

    • Mattia

      6 Settembre 2011 at 09:45

      Quante stupidaggini in un solo commento… Lauda non è stato un campione? Probabilmente Hamilton verrà ricordato in futuro e perché Vettel non lo dovrebbe essere? Schumacher si sta proprio sputtanando, infatti con la macchina si ritrova basta vedere le gare che ha fatto in Canada e in Belgio quest’anno che non ho visto fare da nessun altro pilota in pista.

      • Lh

        6 Settembre 2011 at 09:57

        si infatti basta vedere come in belgio è arrivato il solito ordine di scuderia, il solito tedesco m.erdoso favorito dal mangiabanane brown, infatti si vede come sono forti questi piloti tassisti, li metti su macchine che non sono precise in assetto e non ti combinano niente

    • Simon

      6 Settembre 2011 at 12:20

      Caro Lh, mamma e’ tornata a casa, fatti fare un panino con la Nutella, poi finisci i compiti delle vacanze….

      • Lh

        6 Settembre 2011 at 20:20

        e tu fatti una cacata

  12. luciano

    5 Settembre 2011 at 20:14

    secondo me hamilton, sta pagando la velocità di button, che nonostante sia considerato un paracarro, spesso gli finisce davanti, e per dimostrare di essere più forte spesso prende rischi inutili, l’ errore in belgio è stato di distrazione, ma non in altre occasioni (canada) button fa i sorpassi, alonso pure (con un auto inferiore) e non fanno mai incidenti, al contrario di hamilton, certo è divertente, ma dimostra di non essere maturo, il sorpasso di button su alonso al eau rouge, resterà nella storia, va bene essere aggressivi, ma non serve a niente esagerare, vettel ha dimostrato di saper superare quando serve, ora è giusto che amministri il suo enorme vantaggio.. se si ritira 2 volte il vantaggio è perso….perche dovrebbe rischiare?

    • lettore

      5 Settembre 2011 at 20:42

      ma non in altre occasioni (canada)
      infatti button resterà nella storia per aver chiuso a muro il compagno
      sorpasso di button su alonso al eau rouge ma il giorno stesso non dicevi “irregolare!”
      vettel ha dimostrato di saper superare quando serve
      quest’anno con questa red bull l’anno scorso un sorpasso un muro o una macchina…
      perchè dovrebbe rischiare?… è un pilota di f1? senna si rivolta nella tomba con sti piloti “il rischio fa parte del mestiere” A. Senna… e badate che allora parlava anche di altri rischi oggi di molto ridotti

  13. www.integratorimania.com

    5 Settembre 2011 at 20:23

    L’esempio da prendere da Button ci sta, ma lauda quando dice di vedere i punti direi che ha preso l’esempio sbagliato: Button 149, Hamilton 146. E’ divertente notare invece MASSA a 74…. veramente scandaloso visto ALONSO essere a ben 157 ! Si ricordasse massa il prox anno quando inzia con le dichiarazioni “Anche io per il Mondiale!”…

  14. LUCA BORGNA

    5 Settembre 2011 at 21:13

    Per me Hamilton e’ un grande…ma con un grande problema:
    il non lottare per il mondiale gli fa perdere quel senso di raziocinio che serve proprio per vincere il mondiale.Solo cosi’ avrebbero senso le vittorie di tappa,almeno per lui.

  15. Walter176

    5 Settembre 2011 at 21:28

    Penso che nell’ultimo periodo Hamilton s’è trovato nelle circostanze sbagliate per troppe volte: passerà anche questo periodo!Non voglio tirare in ballo la sfortuna perchè spesso Lewis se le cerca ma è la caratteristica del suo spirito agonistico: alla fine pagherà!

  16. Andrea

    5 Settembre 2011 at 21:56

    oh che palle!!se stai 90 punti sotto è normale che rischi di più e sbatti!

  17. Frenk

    5 Settembre 2011 at 22:29

    “Lauda: “Hamilton sta esagerando.”

    Da mò che Lauda esagera!!! 😉

  18. Manlio

    5 Settembre 2011 at 23:19

    Quando Lauda apre la bocca, mi torna in mente che era un pilota così calcolatore e intelligente che mi fa venire voglia di staccargli la testa e utilizzarla al posto del volante della mia macchina.

  19. luca

    5 Settembre 2011 at 23:20

    come diceva un articolo in questo sito hamilton è un pilota d’altri tempi catapultato nel 2011…questo è vero ed è molto affascinante

  20. Roby

    6 Settembre 2011 at 01:25

    oh mamma, tutti ingegneri della formula uno qui.. parlate di hamilton come un super pilota, ma siccome è un super pilota per quale motivo non è terzo, alle spalle delle 2 red bull? forse perche non è il fenomeno che vi immaginate, è un umano che sbaglia..
    e chi parla male di lauda allora evidentemente si è dimenticato del passato e di come correva quest’ultimo..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati