La Toro Rosso conferma l’accordo con Cepsa

La Toro Rosso conferma l’accordo con Cepsa

La Scuderia Toro Rosso ha annunciato un accordo di sponsorizzazione con l’azienda petrolifera spagnola Cepsa. Il secondo team della Red Bull in Formula 1 godrà quindi di un incremento di budget grazie ai rapporti con la compagnia di Abu Dhabi Aabar Investments che si aggiunge alla banca svizzera Falcon Investments arrivata già ad inizio anno.

I loghi Cepsa saranno presenti sulle tute dei piloti, sul muso, sull’ala posteriore e sulle paratie posteriori della vettura a partire dal GP Italia di questo weekend.

La Toro Rosso conferma l’accordo con Cepsa
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

8 commenti
  1. Fernando

    6 settembre 2011 at 15:02

    Auguro al team di Faenza di poter finalmente godere di un forte budget (e di piloti più capaci di sviluppare la vettura…) per poter competere ad alto livello nel mondiale e non più accontentarsi delle briciole lasciate dai grandi team.
    Perché in Italia non esiste solo la Ferrari, seppur per l’Italia e la Formula Uno tutta, la Ferrari è storia, mito e legenda.

  2. giuseppe andrea

    6 settembre 2011 at 15:19

    ottimo

  3. Elena (Mclaren)

    6 settembre 2011 at 16:49

    è una buona notizia!..le entrate che derivano dalla sponsorizzazione serviranno ad avere più aggiornamenti sulla vettura cercando magari di stare subito dietro ai top-team..questo me lo auguro di cuore!

  4. fabrizio

    6 settembre 2011 at 18:40

    Leggere questa notizia,mi fa tornare alla mente il 1978 quando un team tra i meno competitivi(Williams)trovo’ una munifica sponsorizzazione da parte di un gruppo di aziende saudite.Sappiamo tutti come fini’.La speranza e’ che la famiglia reale di Abu Dhabi(il fondo Aabar e’ lo stesso che detiene quote azionarie della Mercedes-Benz)trovi nelal Toro Rosso un interlocutore interessante per sviluppare un rapporto duraturo nel tempo..Perche’ questi signori se si appassionano e si convincono della bonta’ di un progetto..i soldi li hanno..Auguri..

    • Ogre

      8 settembre 2011 at 20:24

      E’ vero.
      Il primo sponsor di Williams e Head furono i sauditi e infatti la macchina era bianco verde e aveva la scritta Saudia

  5. Toro Rosso

    6 settembre 2011 at 23:48

    bene cosi 🙂

  6. west

    7 settembre 2011 at 10:59

    A mio avviso è riduttivo definire la TORO ROSSO “Il secondo team della Red Bull in Formula 1”,come citato nell’articolo.
    L’ing. Ascanelli nel 2008 ha scelto giovani ingegneri e tecnici, ha quindi formato un gruppo di lavoro operativo di tutto riguardo che, ormai da oltre due anni eseguono per intero la progettazione e la costruzione della vettura a Faenza (compresa l’istallazione del motore Ferrari).
    Se qualcuno avesse voglia di andare a Faenza in via Spallanzani, vedrebbe che ci sono circa 250 giovani tra ingegneri e tecnici in gran parte Italiani, che lavorano tantissimo coordinati da Giorgio Ascanelli per poi sentirsi dire che i meriti sono Red Bull.
    Quando le cose NON vanno bene sono Toro Rosso, quando il lavoro dei sopra citati è buono sono RB.
    MA DAVVERO CREDETE CHE LE ALTRE SCUDERIE STIANO A GUARDARE, LI FATE COSI’ FESSI?????????
    Diamo un giusto riconoscimento ai ragazzi di Faenza in gran parte EX MINARDI, e speriamo che con qualche Euro in più riescano a fare il salto di prestazioni che noi tutti ci auguriamo.

    • Fabrizio

      7 settembre 2011 at 16:55

      Diciamo che la Toro Rosso e’ andata avanti in questi anni con i soldi RedBull ed il compito di questo team e’ fare da..parcheggio-scuola per i giovani del vivaio austriaco.a parte questo io sono uno di quelli che ha sempre distinto la Toro Rosso dalla RedBull anche quando avevano vetture simili..Anche perche’ come ricorderai nel 2008 la Toro Rosso era sempre davanti al team di Horner e non solo perche’ c’era Vettel.Ascanelli e’ uno che di F1 ne capisce come pochi..infatti la Ferrari lo mando’ via..salvo poi riprenderlo per il programma GT Maserati.A quanto pare aveva un difetto…era troppo amico dei giornalisti..ed a Maranello questo non va..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati