Kovalainen, “Pensavo di contare di più in ottica mercato”

Per il finlandese la carriera in F1 è forse arrivata al capolinea

Kovalainen, “Pensavo di contare di più in ottica mercato”

Per Heikki Kovalainen le possibilità di essere al via della stagione 2013 sono pressoché ridotte al lumicino. Malgrado sia stato spesso in questi anni passati alla Caterham il più forte tra i piloti delle scuderie minori, la mancanza di sponsor e valigia ben equipaggiata potrebbero condurlo ad un pensionamento anticipato. “Stiamo sicuramente lavorando sodo per vedere di trovare una soluzione” – ha ammesso ad Autosport -“Ritengo però che i risultati degli ultimi due/tre anni non siano sufficienti a garantirmi un posto in un team importante, mentre per quanto riguarda le chance in una squadra da seconda metà della griglia, lì sono alla ricerca di qualcuno che si paghi il sedile per cui resterei escluso. Mi trovo in una situazione un po’ difficile. Alla fine anche se tutti si complimentavano con me per la mia guida e il mio lavoro, un conto è combattere per il quindicesimo posto, un conto è per la top ten; comunque sia visti i risultati mi aspettavo di trovarmi in una posizione migliore per quanto concerne il mercato”.

In effetti anche solo una riconferma nel team malese sembra ormai impossibile per il ragazzo di Suomussalmi essendoci già Vitaly Petrov e il tester Giedo Van der Garde pronti a predere il suo sedile, senza dimenticare le parole del direttore tecnico del Gruppo Caterham Mike Gascoyne che ha affermato di essere alla ricerca di driver paganti in modo da poter ambire ad un futuro a lungo termine nel Circus.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

7 commenti
  1. jonnymor

    12 Gennaio 2013 at 15:13

    siamo alle solite…aveva ragione montezemolo ,,,tre macchine per i top team ,,magari la terza con nome diverso per non falsare il costruttori…e finalmente i vari piloti poveri di talento e ricchi di sponsor potrebbero andare da qualche altra parte a farsi il loro bel campionato di formula €uro lasciando spazio in F1 a chi sà guidare per davvero,,,

  2. Cris

    12 Gennaio 2013 at 17:30

    Se non sbaglio Van der Garde già doveva esserci… ma Petrov è scandaloso, adesso sono due i piloti a cui ha rubato il sedile

  3. amico di frederick

    12 Gennaio 2013 at 18:53

    scandaloso o no e’ il mondo che gira cosi’, e’ tutta una questione di soldi! non mi stupirei fra qualche anno di vedere un pilota di F1 Saudita pagato dai petrodollari

  4. MC-Nicky69

    13 Gennaio 2013 at 00:20

    Mi dispiacerebbe molto se Kovalainen non sarebbe tra i piloti partecipanti al mondiale 2013 Perchè merita di farvi parte! Non sarà un fenomeno ma non è nemmeno un pilota da buttare via, è passato in poco tempo dal correre da una Renault alla cima Mclaren a lottare per le retrovie con una catheram e ora appiedato! Credo che Kovalainen sia molto più forte di Petrov, i soldi stanno contando troppo in Formula 1 sempre più del talento, dispiace Perchè non se lo merita davvero questo trattamento ma purtroppo ora le cose girano così!

  5. Franz Iacobelli

    14 Gennaio 2013 at 16:11

    Eccone un altro che deve andarsene per fare posto a degli imbecilli che corrono solo per i $ che portano. Che poi io mi chiedo, ma se un pilota è bravo perchè qualcuno non lo sponsorizza? E i brocchi, in quanto brocchi, come fanno ad avere tutte quelle sponsorizzazioni così a lungo?

    E la Ferrari poteva prenderlo e invece continua a tenersi quell’idiota di Massa, altro pilota che corre non certo per suoi meriti sportivi

    • ale

      14 Gennaio 2013 at 22:22

      secondo me andrà a peggiorare, credo che gli ingegneri toglierebbero volentieri i piloti dagli abitacoli per programmare qualifiche e gara sfidandosi a chi ha l’algoritmo “più grosso”, quindi il pilota inizia a essere visto come un ingranaggio, un cavo che fa da tramite, una leva…oppure dai proprietati delle scuderie come un bel portafoglio

      • MC-Nicky69

        15 Gennaio 2013 at 09:17

        La stessa cosa che succede anche a noi comuni mortali che lavoriamo nelle fabbriche, siamo trattati come macchine,non contiamo nulla e veniamo selezionati soprattutto per chi ti fa risparmiare di più, paragone forse azzardato ma io la vedo così, sbagliato fare politica in questo forum ma il tuo commento mi ha fatto partire questo sfogo!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati