Horner dice a Webber di tornare a concentrarsi sulle corse

Horner dice a Webber di tornare a concentrarsi sulle corse

Christian Horner ha consigliato a Mark Webber di tornare a rivolgere le sue attenzioni alla pista.
Il team boss della Red Bull ha ammesso di essere deluso e sorpreso del commento fatto dall’australiano in Brasile, poichè Webber ha fatto capire come sia “ovvio” che Sebastian Vettel riceva la maggior parte del sostegno della squadra nonostante la situazione del punteggio.

La voce più comune è che, nonostante abbia firmato il contratto per il 2011, è probabile che l’ultima gara in Red Bull per Webber sarà quella di domenica prossima ad Abu Dhabi, conclusiva del mondiale.
“Se avessi un messaggio da dargli, sarebbe, Concentriamoci sulle corse, andiamo avanti”, ha detto Horner.
Horner ha bollato la questione come “mind games”, un modo per creare confusione, ma ha suggerito a Webber di lavorare sodo per battere con merito il suo compagno di squadra.
“Nessuno vuole ricevere il titolo mondiale come fosse un regalo, ed è quindi compito suo di scendere in pista e terminare il lavoro”, ha continuato Horner.
“Ha avuto una grande stagione, vincendo alcune delle gare più prestigiose, come Silverstone e Monaco, e deve concentrarsi per tornare a quel livello di competitività”.
L’evidente contrasto è un regalo psicologico ai rivali in campionato della Red Bull, con Fernando Alonso che ha già ammesso questo weekend di essere contento della situazione.
E Jenson Button, della McLaren, ha commentato “Lui (Webber) è ovviamente confuso dopo l’ultima gara, in quanto correva sicuro, e improvvisamente ora è dietro, ad inseguire. Non ha più il suo vantaggio e ci saranno molti pensieri nella sua mente a causa di questo, credo” ha aggiunto il difensore del titolo.

Filippo Ronchetti

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

1 commento
  1. mikoko

    7 Novembre 2010 at 22:17

    webber dagli un pugno e vai in una squadra dove ti considera di piu’,cmq se il titolo lo perde la ferrari spero che sia lui a vincerlo

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati