Gran Premio di Spagna: la Ferrari in cerca di conferme

Gran Premio di Spagna: la Ferrari in cerca di conferme

Conquistano il secondo e quarto tempo Sebastian Vettel (1:27.260) e Kimi Raikkonen (1:27.780) nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna. I due piloti nel pomeriggio hanno utilizzato entrambe le mescole a disposizione (Medium e Hard), effettuando prove di assetto e di bilanciamento della vettura. In generale le temperature alte non aiutano l’aderenza e la resistenza delle gomme. Miglior tempo ancora per la Mercedes di Lewis Hamilton (1:26.852) e terzo tempo per il suo compagno di squadra Nico Rosberg (1:27.616).

Kimi Raikkonen: “Oggi è stata una giornata piuttosto strana, i tempi sul giro non erano male, ma non sono del tutto soddisfatto del comportamento della vettura. Non so se la causa fosse il vento o piuttosto le condizioni della pista, sta di fatto che ho avuto difficoltà per tutto il giorno. Non abbiamo visto niente di sbagliato negli sviluppi che abbiamo portato qui; ho solo la sensazione che tutto non sia completamente a posto, come se la vettura scivolasse. Credo ci sia molto da fare per migliorare e stasera esamineremo più nel dettaglio cosa fare nel resto del weekend”.

Sebastian Vettel: “E’ ovvio che la Medium è la gomma più veloce qui, ma oggi la pista era un po’ scivolosa per tutti. L’aderenza si direbbe bassa, il che non è niente di speciale, ci siamo passati tante volte in questi anni. Quando si arriva qui dai test invernali la pista, d’estate, di solito è molto più lenta. Avere altre vetture sull’asfalto aiuta e penso che tutti oggi abbiano percorso numerosi giri: domenica la situazione migliorerà di certo, ma le condizioni generali restano le stesse. Ho sentito che il giorno della gara dovrebbe fare più fresco e forse anche questo aiuterà. Possiamo ancora migliorare la macchina, ma il divario con Mercedes rimane. Oggi non ho fatto un giro perfetto, ma credo che in queste condizioni sia difficile per tutti riuscirci. Sul giro singolo, la differenza fra le due mescole di pneumatici è notevole, sulla distanza il divario di prestazione si riduce. Ma quando si scivola così tanto non si riesce a tirar fuori tutto il potenziale delle gomme e oggi appunto la pista era molto scivolosa per tutti. Quindi non mi sembra giusto giudicare oggi come vanno i pezzi nuovi: la cosa veramente importante è che non hanno nulla di sbagliato”.

Gran Premio di Spagna: la Ferrari in cerca di conferme
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati