GP Corea: evviva la sicurezza!

GP Corea: evviva la sicurezza!

Domenica si corre il GP della Corea. Dopo tanti tentennamenti, finalmente si è deciso di correre e l’idea è che non si sarebbe potuto fare altrimenti visti gli investimenti portati avanti.

Ma sembra essere arrivati al limite della credibilità per questo sport che Bernie si ostina a ridicolizzare in nome del denaro.

Abbiamo trovato un video su Youtube datato 14 Ottobre, in cui viene svolto un giro di pista a bordo di un’auto stradale. Questa era la situazione pochi giorni fa, anche se non sappiamo se la data di caricamento del video coincide con quelle delle riprese, sebbene si veda materiale della Virgin in corsia box.:

Si parla tanto di sicurezza delle piste, tanto da deturpare leggende della Formula 1 come Hockenheim, e cosa succede nel 2010, a pochi giorni da un evento?

Succede che, appunto, fino a due settimane dal Gran Premio non si sapeva se si sarebbe corso o meno. Alla luce del denaro investito in questo progetto, avere preoccupazioni di questo tipo, e soprattutto renderle pubbliche, è il segno evidente delle difficoltà riscontrate nella costruzione del nuovo impianto.

Succede che, una pista di nuova concezione (Tilkiana, sempre lui, ma a questo punto ci viene da pensare che sia solo il “braccio”), viene ancora disegnata con una curva a gomito alla fine del rettilineo principale (come in Bahrein), giusto per creare un po’ di spettacolo in partenza. Cosa di meglio per vedere gli sponsor sulle fiancate delle monoposto in volo?

Succede che, in una F1 dove basta uno spillo a terra per far uscire la Safety Car, viene realizzato un rettilineo di dodici km, e nemmeno troppo largo, dove non servono le linee bianche di delimitazione della pista. Perchè ci sono solo muri. Montreal è definita troppo pericolosa per il rettilineo di ritorno. E questo tracciato cosa sarebbe? Certo, ci sono Montecarlo, Valencia, Singapore. Ma sono cittadini. Era così complicato prevedere uno spazio sufficiente per parcheggiare una monoposto in panne in un rettilineo così infinito? Si spera che abbiano almeno pensato a delle vie di fuga interne, ma i dubbi sorgono..

Succede che ci sono ancora tribune in costruzione e gru ovunque. Da dove gusteranno la gara i tifosi che accorreranno al tracciato? Dalle gru? O avranno accesso direttamente a bordo pista per seguire la gara dai tetti delle loro auto?

E veniamo al fatto più grave.

Succede che, 10 giorni prima della gara, ci sono ancora macchinari per compattare l’asfalto e altri per riempire di cemento le zone “vuote”. Nico Rosberg ha già sollevato dubbi sulla tenuta del manto, soprattutto nella zona mista dove le monoposto lavoreranno in appoggio. L’ultimo strato di asfalto è stato posato solo da pochi giorni. Non ci sono state gare di contorno, non ci sono stati dei veri test a parte un giro dimostrativo (dello stato pietoso dei lavori, notare le gomme full-wet sulla Red Bull, sembrano quelle dei Caterpillar da quanto sono sporche) qualche settimana fa di Karun Chandhok,

eppure saranno le F1 ad inaugurare il tracciato. Ci sembra un rischio non da poco. Canada 2008 vi dice qualcosa?

C’è anche un altro precedente storico. Il GP del Belgio del 1985 fu rinviato perchè il manto stradale si sgretolava al passaggio delle monoposto.

Ci auguriamo, per la sicurezza dei piloti e la faccia di Bernie (per quella forse un po’ meno), che non succeda niente, ma le premesse di questo GP sono tutt’altro che rosee.

Ovviamente speriamo che l’evento si realizzi senza intoppi, ma se questo è un esempio di sicurezza…

Alessandro Secchi

GP Corea: evviva la sicurezza!
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

30 commenti
  1. xx

    19 ottobre 2010 at 20:47

    che catastrofismo… nel video di Chandhok la pista è sporchissima perchè stava girando sul primo strato di asfalto (se notate c’è circa 1,5 cm tra l’asfalto e i cordoli) che è un asfalto a grana molto grossa ed ha la funzione di creare il fondo della pista sopra il quale è stato posato il manto definitivo (1.5cm solitamente) negli ultimi giorni. Per l’asfalto non penso che ci siano gravi problemi se il lavoro è stato fatto con i minimi criteri (posato alla temperatura giusta e miscelato non al risparmio cioè più bitume che ghiaia). L’unica cosa che mi preoccupa è che non ho visto grandi opere di drenaggio perciò in caso di pioggia prevedo casini. Per il resto non mi sembra malvagia come pista mi sembra superiore alla norma delle nuove creature di Tilke.

  2. Davide

    19 ottobre 2010 at 20:49

    quelli se non corrono fan saltare l’atomica!!

  3. Andrea

    19 ottobre 2010 at 21:55

    “…viene realizzato un rettilineo di dodici km, e nemmeno troppo largo, dove non servono le linee bianche di delimitazione della pista. Perchè ci sono solo muri…”

    Grande! Avete visto l’ultima curva? Il muro inizia all’interno della curva a metà della sua percorrenza… Non oso immaginare se qualcuno dovesse sbandare proprio in quel punto… (minuto 3:17 del secondo filmato)

  4. Strige

    19 ottobre 2010 at 22:09

    @ andrea: nel prima video non c’è più…mi sa che era momentaneo…almeno io non l’ho visto.

  5. Andrea

    19 ottobre 2010 at 23:00

    @ Strige: non ci avevo fatto caso, grazie!

  6. Beppe

    20 ottobre 2010 at 09:42

    Segnalo anche la seconda curva dopo il traguardo che immette sul rettilineo da 1.2 km.
    Cemento sul lato esterno in piena traettoria!!!
    Pazzi pazzi ed ancora pazzi irresponsabili.
    Non è possibile realizzare un nuovo tracciato veloce delimitato da muretti in cemento posti anche in uscita delle curve veloci (ancora credo o spero che vengano rimossi).
    Cosa è servita l’eliminazione del Tamburello ad Imola??
    Andiamo tutti a correre sul circuito F.lli Rodriguez di Città del Messico, a Macao, a Pau circuiti molto più sicuri.
    Già immagino le lamentele dei piloti dopo le prime libere.
    Spero vivamente che nessuno abbia guai o cedimenti meccanici altrimenti …. (lascio a voi i commenti su Ecclestone e Tilke).

    Beppe
    RedBull

  7. CpJACK

    20 ottobre 2010 at 10:12

    bho a me sembra un video fatto al pc

  8. Fede

    20 ottobre 2010 at 10:47

    Nuvolari correva sulla terra. Che vogliono questi fighetti i tapppeti rossi ?

  9. Motore Asincrono Trifase

    20 ottobre 2010 at 11:07

    sara’ ma non lo vedo tanto male. Sul rettilineo c’e’ il muro per mettere le tribune piu’ vicine alla pista, ma alla fine dei rettilinei la vie di fuga ci sono. Magari non e’ entusiasmante ma forse non e’ tanto male. In fondo bisogna vederlo, forse un paio di punti per il sorpasso ci sono

  10. D-Lord

    20 ottobre 2010 at 11:56

    Forse vogliono rimanere in vita? Sembra che mandare i piloti al suicidio sia normale…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati