Formula E | Villeneuve scettico sulla serie elettrica: “Ottima tecnologia, ma non vuole guardarla nessuno”

"Ho fatto un paio di gare ma alla fine non so", ha aggiunto il canadese

Formula E | Villeneuve scettico sulla serie elettrica: “Ottima tecnologia, ma non vuole guardarla nessuno”

Parlando alle colonne di Automobile Magazine, Jacques Villeneuve ha ha commentato la crescita della Formula E negli ultimi mesi, sottolineando come all’interno del paddock non esista tutta questa attenzione per la serie gestita da Alejandro Agag.

Secondo il canadese, infatti, la Formula E risulta una categoria di nicchia, seguita da un numero ben ristretto di appassionati, e quindi ben lontana dall’audience della Formula 1. Un nuovo modo di intendere le corse, con una tecnologia assolutamente interessante, ma che ancora ha bisogno di tempo per svilupparsi a livello globale.

Ecco le parole di Jacques Villeneuve: “Nessuno vuole guardare la Formula E e la verità è che nessuno nel paddock sa quando viene svolta una gara di questo tipo. Non capisco perché questa categoria stia venendo spinta così tanto, dato che parliamo di una serie di nicchia. Ho fatto un paio di gare in Formula E e sono stato felice di farle, visto che la tecnologia è molto interessate, ma alla fine non so”.

Formula E | Villeneuve scettico sulla serie elettrica: “Ottima tecnologia, ma non vuole guardarla nessuno”
3 (60%) 2 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Zac

    21 dicembre 2018 at 11:22

    È vero. Se non lo fai volontariamente, è difficile sapere quando si svolgono queste gare. Viceversa, la F1 passando dalle reti RAI a canali privati, almeno in Italia, ha anch’essa intrapreso questa strada. Stesso discorso per il Motomondiale. La formula E avrà tutti i difetti di questo mondo, ma almeno, se inizi a guardarla, non ti alzi e te nei vai. Non è il format in sé che sbagliato, ma la tecnologia che pur all’avanguardia, non è ancora matura, e chissà se lo sarà in futuro. Una gara di 45 minuti è troppo corta per un evento.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati