Formula 1 | Villeneuve sulla situazione di Mick Schumacher: “La Ferrari rischia di bruciarlo”

"Deve abituarsi alla pressione, non c'è una via di mezzo", ha affermato il canadese

Villeneuve ha inviato la Ferrari a trattare diversamente la situazione del tedesco, sottolineando come Schumacher non vada sfruttato solo per l'immagine
Formula 1 | Villeneuve sulla situazione di Mick Schumacher: “La Ferrari rischia di bruciarlo”

In una lunga chiacchierata concessa al quotidiano Expressen, Jacques Villeneuve ha espresso una propria opinione sulla situazione di Mick Schumacher, talento della FDA e figlio del grande Michael Schumacher, sottolineando come l’atteggiamento della Ferrari rischi di bruciare la carriera di un ragazzo sicuramente interessante, ma che ancora deve abituarsi alla grande pressione derivante dalla stampa e dagli addetti ai lavori.

Secondo Villeneuve, infatti, la Rossa sta sfruttando l’immagine del tedesco per aspetti extra pista, aspetto che rischia di mettere in secondo piano le sue debolezze inerenti alla pista. Schumacher, ricordiamo, ha esordito in Formula 2 in Bahrain, dimostrando ancora poco feeling con la categoria. Una situazione delicata che la Scuderia di Maranello, secondo Villeneuve, dovrebbe approcciare con una atteggiamento profondamente diverso.

“In questo momento la Ferrari sta utilizzando la sua immagine anche se non è super veloce”, ha dichiarato Jacques Villeneuve ai media svedesi. “Così facendo finiranno per bruciarlo. Fino ad oggi è stato abbastanza tranquillo, ma adesso quei tempi sono passati. Ognuno guaderà quello che fa in modo estremo e decimo”.

Il talent di Sky Sport F1 HD, successivamente, ha rincarato la dose, sottolineando come il tedesco debba abituarsi alla pressione: “Se non riuscirà ad essere veloce e commetterà degli errori, probabilmente sarà criticato. Deve abituarsi a questa situazione, non c’è una via di mezzo”.

Formula 1 | Villeneuve sulla situazione di Mick Schumacher: “La Ferrari rischia di bruciarlo”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati