Formula 1: nuovo regolamento sugli pneumatici per la stagione 2016

Formula 1: nuovo regolamento sugli pneumatici per la stagione 2016

F1 – Adesso a ogni gara Pirelli fornirà ai team tre differenti mescole di pneumatici slick, anziché due. Il numero di set forniti per ciascuna monoposto durante un weekend resterà di 13.
Pirelli sceglierà due set disponibili per la gara (uno dovrà essere usato), e anche un set della mescola più morbida dovrà essere conservato per l’ultima parte delle qualifiche (Q3). I team potranno utilizzare i 10 restanti set delle tre mescole disponibili per ogni gara.
Le scelte dei team possono essere differenti per ciascuna delle loro monoposto, quindi in alcuni weekend i compagni di squadra potrebbero avere quantità diverse disponibili di ciascuna mescola.
Come prima, i piloti devono continuare a usare almeno due mescole differenti durante una gara asciutta.
Durante un weekend i set contineranno a essere restituiti a Pirelli, come avveniva in passato, inclusi i set destinati all’uso nel Q3. I piloti che non passano al Q3 potranno utilizzare quel set in gara.
I team devono comunicare le scelte delle mescole alla FIA prima di ogni gara e in tempo per rispettare il termine fissato da Pirelli. Le decisioni saranno mantenute segrete fino a due settimane prima di una gara. I team devono informare la FIA delle loro scelte 8 settimane prima di una gara europea e 14 settimane prima di una extra-europea.

Formula 1: nuovo regolamento sugli pneumatici per la stagione 2016
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. lucaraikkonen

    15 marzo 2016 at 21:24

    Ma che cazzz di regolamento??? Prima le usi. Le restituisci. Poi devi comunicarlo 14 settimane prima… ma come cazz gli vengono in mente ste robe???
    Bastava dire abbiamo 3 mescole. Usatele pure e buona gara a tutti!

  2. ale7485

    16 marzo 2016 at 11:12

    Mi sento un ritardo mentale…non ho capito le condizioni d’uso di questi 13 set!
    In parole più spicciole?

  3. lucaraikkonen

    16 marzo 2016 at 13:48

    Pagherò un ingegnere per spiegarmelo..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati