FIA: ecco i numeri dei piloti di F1

Hamilton con il 44, Hulkenberg con il 27

FIA: ecco i numeri dei piloti di F1

La FIA ha diramato la lista dei piloti iscritti al mondiale 2014 di Formula 1 rendendo noti anche i numeri di gara permanenti. La coppia Red Bull, Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo, correrà rispettivamente con i numeri 1 e 3.

In Mercedes Nico Rosberg ha scelto il numero 6 mentre Lewis Hamilton correrà con il 44. In Ferrari, Kimi Raikkonen correrà con il numero 7 mentre Fernando Alonso ha scelto il 14. Numero 8 per Romain Grosjean mentre Pastor Maldonado ha scelto a sorpresa il numero 13, di solito evitato dai piloti per motivi scaramantici.

In Sauber, Adrian Sutil ha scelto il #99 mentre Esteban Gutierrez correrà con il numero #21. Nico Hulkenberg, al rientro in Force India, correrà con il numero 27, reso famoso da Gilles Villeneuve mentre il 5 di Nigel Mansell andrà a Vettel se il tedesco non dovesse confermarsi campione del mondo.

Max Chilton affiancherà probabilmente Jules Bianchi alla Marussia anche se manca ancora l’ufficialità. La Caterham non ha ancora annunciato i suoi piloti.

Numeri Piloti F1 2014

#   Pilota             Team
1   Sebastian Vettel   Red Bull-Renault
3   Daniel Ricciardo   Red Bull-Renault
6   Nico Rosberg       Mercedes
7   Kimi Raikkonen     Ferrari
8   Romain Grosjean    Lotus-Renault
11  Sergio Perez       Force India-Mercedes
13  Pastor Maldonado   Lotus-Renault
14  Fernando Alonso    Ferrari
17  Jules Bianchi      Marussia-Ferrari
19  Felipe Massa       Williams-Mercedes
20  Kevin Magnussen    McLaren-Mercedes
21  Esteban Gutierrez  Sauber-Ferrari
22  Jenson Button      McLaren-Mercedes
25  Jean-Eric Vergne   Toro Rosso-Renault
26  Daniil Kvyat       Toro Rosso-Renault
27  Nico Hulkenberg    Force India-Mercedes
44  Lewis Hamilton     Mercedes
77  Valtteri Bottas    Williams-Mercedes
99  Adrian Sutil       Sauber-Ferrari

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

23 commenti
  1. Iceman Red Bull

    10 Gennaio 2014 at 23:12

    il 5!?!?! non mi piace, anche se è il numero del mondiale 2010, così come Button ha scelto il 22 per lo stesso motivo

    bello Lewis col 44 e Hulk col 27

  2. hero

    11 Gennaio 2014 at 09:41

    Ma la Toro Rosso è passata ai motori Renault? Non lo sapevo.

    • MAAXXX - Tifoso Ferrari Moderato

      11 Gennaio 2014 at 10:52

      si da quest’anno si… e volendo innescare subito delle polemiche presumo anche di capire per quale motivo entrambi i piloti della STR siano già convinti di poter lottare contro i big quest’anno:

      il passaggio ai motori Renault potrebbe portare in dote anche il traction control..

  3. Jess

    11 Gennaio 2014 at 09:42

    La cosa che trovo positiva in tutto questa regola dei numeri è che, finalmente, sparisce la ridicolaggine inglese che voleva escluso il numero 13. Piena approvazione per Maldonado! Geniale Kimi nella scelta, quando molti sfoderano la cabala o la storia dell’automobilismo per motivare le scelte, lui dice “il 7 lo avevo lo scorso anno, perché cambiare?” Un mito! Il 14 ad Alonso, speriamo porti bene, pure l’anno porta lo stesso numero! Il 27 di Hulkemberg mi piace. Il 44 di Hamilton invece non me gusta, ma non conosco il motivo! Irvine che avrebbe scelto? Il 69?;)

  4. amico di frederick

    11 Gennaio 2014 at 11:39

    Damon Hill se potesse correre…dovrebbe riprendersi lo zero che aveva e che si merita a vitaaaa! lewis, il campionissimo ha sbagliato a scegliere il 44: il suo numero e’ il 10, quello dei campioni sopraffini, strano che nessuno ha scelto un altro numero benefico, il nove. Jules bianchi e Pastor maldonado devono avere delle gravi insufficienze in cultura popolare perche’ han scelto il 13 e il 17 che in alcuni paesi portano fortuna e in altri sfortuna e per di piu’ se li devono portare dietro a vita a meno che vincano un mondiale…

    • mario

      11 Gennaio 2014 at 18:19

      A parte che questo argomento e’ un po aria fritta,comunque sia non e’ che i numeri devono piacere a noi tifosi.Ogni pilota ne sceglie uno(per motivazioni personali)e non e’il caso di star li a fare polemica anche per questo.Hamilton il 10?Mica e’ calcio questo.Nelle corse il numero dei campioni sopraffini e’ l’1.

    • pippo

      14 Gennaio 2014 at 11:47

      Giusta osservazione per Hill, per il campionissimo allora si merira il 23 per quel mondiale vinto….

  5. alfredvogler

    11 Gennaio 2014 at 14:02

    Anch’io apprezzo molto la scelta di Maldonado e la motivazione di Raikkonen.
    Per quanto riguarda il 13 non è che, come scritto nell’articolo, i piloti “di solito non lo sceglievano per motivi scaramantici”, ma è al federazione che -per la stessa ragione- non lo aveva mai assegnato. Quindi bravo Maldonado, che a questo punto sarà il primo nella storia della F1 a portarlo.
    Però sarebbe bello vedere un pilota scegliere il n.2! (che non andrebbe disprezzato, Nino Farina vinse il primo Gp iridato nel 1950 col n.2, e altri vincitori di mondiali lo portarono, primo fra tutti Prost per ben tre volte. Ma fu anche il numero che, purtroppo, aveva Senna nel ’94).

    • bobsimbel

      12 Gennaio 2014 at 08:36

      Maldonado non sarà il primo ad averlo usato, perché lo usò Solana nel 1963 e Galica nel 1976, però entrambi per una sola gara…
      Maldonado sarà il primo ad usarlo con continuità e probabilmente ottenendo qualche risultato concreto.

      • alfredvogler

        13 Gennaio 2014 at 00:03

        Complimenti per aver verificato.

      • Franz Iacobelli

        15 Gennaio 2014 at 23:25

        sui risultati concreti ho qualche dubbio 😀

  6. SuperKIMI2007

    11 Gennaio 2014 at 15:20

    sinceramente era più affezionato alla vecchia numerazione ma con il tempo ci farò l’abitudine 🙂

  7. kimi79raikkonen

    11 Gennaio 2014 at 15:46

    46 non la usa nessuno? ah già hanno messo il copyright di valentino rossi!

    • mario

      11 Gennaio 2014 at 18:22

      No,peggio ancora.Lo tengono libero per quando Sua Maesta’Valentino Rossi(che nel 2006 dopo il test a Valencia con la Ferrari disse che lui rimaneva in Moto Gp perche’ le moto sono la sua passione ma fece capire che se fosse andato in f1 li avrebbe battuti tutti guidando con una mano)decidera’ di passare alla F1.Cioe’ mai.

      • Capitan red

        11 Gennaio 2014 at 22:06

        Secondo me non è andato in F1 perchè ha capito che non era così facile come credeva….
        il calcio sarà più divertente degli scacchi ma non significa che uno bravo a giocare a calcio lo sia anche a giocare a scacchi…lo stesso la Motogp con la F1

  8. Capitan red

    11 Gennaio 2014 at 22:09

    questa storia dei numeri è un’ennesima dimostrazione di come la F1 ormai sia solo spettacolo e poco sport…perchè si scelgono i numeri i piloti? per vendere magliette come nel calcio??..
    prima i numeri li assegnata la classifica costruttori…le macchine sono dei costruttori non dei piloti…i numeri stanno sulle macchine non sulla schiena dei piloti.

  9. michele

    13 Gennaio 2014 at 12:32

    Hilkenberg col 27.

    Che mondo assurdo!!

    ma come si fa???

    Il 27!!

    ma dico il 27!!!
    a Hilkenberg..

    non c’è più religione!!!!!!!!!

    • alfredvogler

      15 Gennaio 2014 at 11:39

      1 – si chiama Hulkenberg.

      2 – il 27 non è solo un numero sacro per i ferraristi.
      Purtroppo era il nr. che aveva Villeneuve nell’82 (solo per due anni comunque, 1981 e 82) e altri ferraristi dopo di lui, che ottennero vittorie, fecero sognare i ferraristi, ecc. ecc. (Alboreto, Mansell, Prost, Alesi, quelli che ricordo io), ma CI VINSERO MONDIALI ANCHE ALTRI PILOTI: Alan Jones su Williams nell’80, Ayrton Senna su McLaren nel ’90. Perché non dovrebbero assegnarlo?

  10. giallo81

    13 Gennaio 2014 at 13:15

    Ecco i numeri scelti dai piloti secondo la smorfia napoletana:

    01 Sebastian Vettel – L’italia
    03 Daniel Ricciardo – A’ gatta
    06 Nico Rosberg – Chella ca guarda n’terra (La cosa che guarda in terra – Vagina)
    07 Kimi Raikonen – O’ vasetto (il vaso)
    08 Roman Grojean – A’ maronna (la Madonna)
    11 Sergio Perez – E’surice (i topi)
    13 Pastor Maldonato – Sant’ Antonio
    14 Fernando Alonso – O’ mbriaco (L’ubriaco)
    17 Jules Bianchi – a’ disgrazia
    20 Kevin Magnussen – A’ festa
    21 Esteban Gutierrez – A’ femmena annura (la donna nuda)
    22 Jenson Button – O’ pazzo
    25 Jean-Eric Vergne – Natale
    26 Daniil Kvyat – Nanninella (piccola Anna)
    27 Nico Hulkenberg – O’ cantaro (L’orinale)
    44 Lewis Hamilton – E’ cancelle (le carceri)
    77 Valtteri Bottas – E’ diavule (i diavoli)
    99 Adrian Sutil – Fuori smorfia

  11. Ele (mclaren)

    14 Gennaio 2014 at 11:06

    Maldonado con il nr.13?

    Si vede che in Venezuela porta fortuna..

  12. michele44

    14 Gennaio 2014 at 12:12

    Hamilton con il 44!

  13. Franz Iacobelli

    15 Gennaio 2014 at 23:24

    E la Catheram quando si decide a scegliere i suoi piloti?
    Mi spiace dirlo ma questo sistema di numerazione, per me resta una cagata.
    Poi che è sta cosa che uno ha il numero di riserva come Vettel.
    E comunque non è che il 13 fosse evitato dai pilti per scaramanzia, dal 1974 quando fu introdotta la numerazione basata sulla classifica costruttori 1973 il 13 credo che fu proprio escluso e solo per Divina Galica fecero un’eccezione (per quanto ha corso). Sicuramente il sistema che c’era del ’96 al 2013 non lo prevedeva proprio, ma credo che anche negli anni immediatamente prima non fosse comunque più ammesso

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati