F1 | Williams, problemi strutturali alla base delle pessime prestazioni della FW42

Kubica e Russell in coro: "Ci vorranno mesi prima di poter risolvere il tutto"

F1 | Williams, problemi strutturali alla base delle pessime prestazioni della FW42

Che la Williams abbia dei seri problemi non ci sono dubbi: la FW42, presentatasi in notevole ritardo ai test di Barcellona è parsa subito molto lenta, pur mostrando pochi problemi di natura di tecnica. La macchina però è praticamente al livello di una vettura di Formula 2, forse leggermente più veloce, e questo è un danno innanzitutto di immagine pazzesco per uno dei team storici della Formula 1. Con l’addio di Paddy Lowe, direttore tecnico capace di partorire due aborti come le altrettante vetture di Grove degli ultimi anni è andato via prima dell’inizio della stagione, il team è rimasto senza un “padre” capace di far crescere la propria figlia, quella FW42 incapace di stare al passo con gli altri.

Kubica e Russell in Australia giravano mediamente 4 secondi più lenti di Bottas durante la gara, un’enormità, ma in Williams a quanto pare hanno capito il problema, che però non potrà essere risolto immediatamente, anzi ci vorranno mesi prima di poter raggiungere una parte di luce in fondo al tunnel.
“C’è un grosso problema alla base – ha detto Russell – e sappiamo cos’è, ma non possiamo certo svegliarci il lunedì mattina e risolverlo. Passeranno parecchie gare e tanti mesi di lavoro prima di poter competere con gli altri, ma i progettisti sono già al lavoro: forse saremo ancora in fondo alla griglia, ma quantomeno riusciremo a combattere con gli altri, mentre ora non è possibile”.

“Non so se ci vorranno due o tre mesi – ha ammesso Kubica – ma penso che al momento nessuno lo sappia con esattezza, spero solo venga risolto al più presto. Lo scorso anno sapevamo quale fosse il problema, ma le prestazioni non sono migliorate, quindi non so quanto ci vorrà, non ne ho idea”.

F1 | Williams, problemi strutturali alla base delle pessime prestazioni della FW42
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati