F1 | Toto Wolff assicura che la Mercedes non parte battuta in Messico

Il 2021 sta spingendo sia Mercedes che Red Bull ad un livello più alto

F1 | Toto Wolff assicura che la Mercedes non parte battuta in Messico

La Mercedes non approccia al GP del Messico già sconfitta in partenza. Toto Wolff, team principal della scuderia anglo-tedesca, ha parlato dell’imminente appuntamento sul circuito Hermanos Rodriguez sottolineando come quest’anno sia davvero difficile fare pronostici e come spesso i rapporti di forza siano stati ribaltati rispetto alle previsioni della vigilia.

Storicamente quello di Città del Messico è un tracciato particolarmente adatto alla Red Bull e dove la Mercedes spesso è apparsa meno brillante rispetto ai suoi standard, tuttavia in una stagione così imprevedibile non si può partire battuti in partenza.

“L’ultima gara in Texas è stata un’ulteriore prova di quanto sia intensa questa battaglia per il campionato. E’ un mondiale impegnativo, che sta spingendo entrambe le squadre ad un livello sempre più alto e la pressione positiva che sentiamo rende la sfida particolarmente eccitante. Hamilton in Texas ha fatto il massimo, anche Bottas ha guidato bene recuperando posizioni e buoni punti per il Costruttorile parole di Toto Wolff, che poi ha continuato parlando dell’imminente appuntamento messicanoOra siamo tutti entusiasti di tornare a Città del Messico dove c’è sempre un’atmosfera calorosa e c’è la giusta elettricità in pista. La Red Bull in Messico è andata sempre molto forte e non si tratta certo del circuito più adatto a noi, ma questo 2021 ha dimostrato che tutto è possibile e tracciati dove prima eravamo deboli si sono rivelati favorevoli e viceversa. Questo aggiunge ulteriore imprevedibilità. Continuiamo a lavorare gara dopo gara preparandoci al meglio, sin dal venerdì in Messico proveremo ad avere una buona comprensione del comportamento della monoposto”.

 

5/5 - (1 vote)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati