F1 | Steiner continua a spingere: “Liberty Media deve ridurre i costi”

"Al momento vogliamo fermarci perché vogliamo vedere che cosa offre Liberty Media per il costo massimo. Perché dovremmo far crescere una squadra per uno o due anni per poi smantellarla di nuovo?"

F1 | Steiner continua a spingere: “Liberty Media deve ridurre i costi”

Guenther Steiner continua ancora a ribadire quanto dichiarato in più di una occasione: la Formula 1 deve ridurre i costi, onerosi soprattutto per i team più piccoli del circus, e i piani di Liberty Media in merito al futuro del motorsport devono essere più chiari per tutti. Haas dal canto suo sta ancora crescendo, sia in termini di esperienza che di personale, e ha bisogno più di altri di sapere quali saranno le intenzioni di Liberty Media per capire quanto e come poter combattere in F1 con avversari ben più grossi e con disponibilità.

E mentre Steiner su questa decisione sul futuro, allo stesso tempo crede che introdurre nel presente un tetto di bilancio nei prossimi anni significherebbe poi dover lasciare andare alcuni membri del personale: “Abbiamo già iniziato questo processo a metà stagione, quando abbiamo discusso molto e dovevamo accontentarci”, ha spiegato il capo del team Haas. “Al momento vogliamo fermarci perché vogliamo vedere che cosa offre Liberty Media per il costo massimo. Perché dovremmo far crescere una squadra per uno o due anni per poi smantellarla di nuovo? Questo non è mai buono, quindi preferiamo provare a lavorare con una quantità inferiore di persone per poi crescere, piuttosto che dover mandare a casa della gente brava”, ha continuato.

Steiner è molto deciso su questo punto: “Dobbiamo gestire meglio le persone che abbiamo al momento. Con l’introduzione del costo massimo non sappiamo davvero dove andare e al momento non voglio crescere ulteriormente. Una volta che sappiamo dove sta andando lo sport, possiamo reagire, ma non c’è motivo di reagire ora e poi contro-reagire un anno dopo”, ha concluso.

Fabiola Granier

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati