F1 | Seidl crede in Mick Schumacher: “Ha tutto ciò che serve per guidare in Formula 1”

"La chiave per la valutazione di Mick sarà la prestazione rispetto al suo compagno di squadra", ha affermato il tedesco

Seidl crede nelle potenzialità di Mick Schumacher
F1 | Seidl crede in Mick Schumacher: “Ha tutto ciò che serve per guidare in Formula 1”

Andreas Seidl crede fortemente nelle “qualità” di Mick Schumacher, giovane pilota della Ferrari Driver Academy che affronterà il prossimo mondiale di Formula 1 con i colori della Haas. Secondo quanto dichiarato dal Team Principal della McLaren, il figlio di Michael Schumacher ha ampiamente dimostrato il proprio talento nelle categorie di preparazione al Circus, aspetto che gli permetterà di essere della partita già a partire dal Gran Premio del Bahrain.

Schumacher, ricordiamo, lavorerà con Nikita Mazepin nel 2021, ma sarà chiamato ad affrontare un anno difficile, visto che la Haas ha scelto di scendere in pista con lo stesso pacchetto tecnico dello scorso campionato. Una mossa “logica” dal punto di vista economico (Gunther Steiner e Gene Haas si concentreranno totalmente sul 2022), ma che costringerà i piloti a battagliare per le posizioni meno nobili della classifica.

“Il salto in Formula 1 per lui sarà abbastanza gigante”, ha dichiarato il Team Principal della McLaren. “I giovani come lui devono fare i conti con tutto ciò che accade anche fuori dalla vettura. Allo stesso tempo però, considerando tutto ciò che ha fatto fino ad oggi, ritengo abbia tutte le caratteristiche per diventare un gran pilota. Non vedo l’ora di vederlo correre e di capire come se la caverà nella sua prima stagione in Formula 1“.

Sul confronto con Nikita Mazepin ha dichiarato: “La chiave per la valutazione di Mick sarà la prestazione rispetto al suo compagno di squadra, Nikita Mazepin. Il primo riferimento è sempre il pilota che sta nel garage di fianco al tuo, soprattutto quando sei su una macchina che non sarà così competitiva”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati