F1 | Sainz: “Bisogna pensare a nuove regole per la safety car”

Il pilota della Toro Rosso convinto che le cose vadano cambiate per garantire maggiore sicurezza

F1 | Sainz: “Bisogna pensare a nuove regole per la safety car”

Lo scontro acceso e polemico a Baku tra Hamilton e Vettel ha riacceso prepotente la questione sicurezza durante la permanenza in pista della safety car. Ad essere riportati a galla sempre i soliti problemi, con regolamenti mai troppo chiari sull’andatura da tenere in gruppo e sulle ripartenze una volta che la macchina si sicurezza torna ai box.

A dire la sua sull’argomento è stato il pilota Toro Rosso, Carlos Sainz: “La ripartenza è il momento più pericoloso – ha detto – bisogna pensare ad un cambio delle regole. Con quelle attuali chi è davanti deve per forza di cose alternare un’andatura lenta a una più veloce, ma chi è dietro è sempre a rischio. Quando sei in mezzo a una curva non sai mai cosa sta succedendo davanti, magari stai andando veloce e all’improvviso ti ritrovi davanti uno che frena di nuovo all’improvviso”.

La proposta dello spagnolo è molto chiara, e fa riferimento ad una più precisa segnalazione dei momenti in cui accelerare o rallentare: “Credo che le regole potrebbero essere modificate – si legge su Tuttosport – magari dal prossimo anno, indicando in maniera più precisa a chi è in testa in regime di safety car quando deve spingere sul pedale”.

I problemi degli ultimi tempi sono dovuti a questa poca chiarezza e non ad una responsabilità diretta dei piloti, che non fanno altro che tutelare le loro posizioni e i loro interessi: “Se fossi in testa in situazioni del genere anche io farei lo stesso, alternando tratti veloci a frenate, quindi se oggi succedono queste cose in pista la colpa non è dei piloti. Le regole sono queste e se vogliamo avere maggiore sicurezza dobbiamo cambiarle, altrimenti rischiamo che situazioni del genere possano accadere anche in futuro”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. attilio

    1 Luglio 2017 at 12:58

    Bravissimo Sainz. hai perfettamente ragione.
    meno male uno che ragiona con idee chiare.
    e non sanzioni sanzioni sanzioni. basta vogliamo vedere una F1 con competizione belle, e con Regole
    Chiare, non uno che decide di non sanzionare oppure si.

  2. piciacia

    3 Luglio 2017 at 10:58

    ma secondo me è superflua la stessa safety car, perche si potrebbe attuare un sistema di “velocità limitata”, cosi come avviene all’interno della corsia dei box; e invece di far entrare la Safety in pista, basta che i piloti premano il bottoncino che limita la velocità massima e li obbliga a girare a velocità costante; ovviamente assecondando anche la necessità di fare scaldare le gomme. Potrebbe essere un buon sistema, secondo me…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati