F1 | Red Bull, Christian Horner: “Lewis e la Mercedes erano più veloci”

"Restare fuori è stata una mossa coraggiosa, ma in ogni caso il risultato non sarebbe cambiato" ha ammesso il team principal

F1 | Red Bull, Christian Horner: “Lewis e la Mercedes erano più veloci”

La Red Bull lascia la Spagna con un bottino di ventinove punti. La vettura del team austriaco ha dovuto cedere il passo alla potenza della Mercedes a Barcellona: Verstappen conquista la leadership alla prima curva e resta in testa per cinquantaquattro giri, ma la strategia e il passo della freccia d’argento di Lewis Hamilton hanno la meglio. Il sette volte campione del mondo si prende agilmente ciò che gli spetta, con l’olandese che non può rispondere per via dello stato delle sue gomme. Max riesce almeno a prendersi la soddisfazione del giro veloce in pista. Ottima gara invece per Sergio Perez: il messicano non si era sentito bene durante la qualifica, ma rimedia il brutto risultato in qualifica con un quinto posto.

Quella di Max è stata una grande partenza, era concentrato sulla prima curva e si è subito guadagnato la leadership, è la specialità di Verstappen – ha spiegato Christian Horner, team principal della Red Bull – ha posizionato la vettura in modo fantastico, ha ritardato la frenata ed è andato largo, prendendosi la prima posizione. Sfortunatamente il pit-stop è stato lento per via di un malinteso: Max è entrato un giro prima del previsto ma fortunatamente i nostri meccanici e gli ingegneri al pit-wall hanno i riflessi pronti e abbiamo recuperato subito. Non avremmo potuto fare nulla diversamene oggi, Lewis e la Mercedes erano più veloci di noi e hanno seguito Max da vicino senza danneggiare le gomme. Siamo riusciti a tenere la posizione in pista, ma quando arrivi ai doppiaggi il degrado aumenta, Lewis si è guadagnato un pit-stop e noi siamo rimasti in una posizione terribile, eravamo in testa e siamo rimasti coraggiosamente fuori fino alla fine, non volevamo sacrificare la posizione. Una volta che Lewis ci ha sorpassati, tutto ciò che potevamo fare era dare a Max la possibilità di guadagnarsi un punto extra, e ce l’ha fatta.

“Checo ha fatto un buon lavoro, risalendo fino alla quinta posizione dopo la qualifica di ieri, con un bel sorpasso di Daniel [Ricciardo] all’esterno di curva uno, conquistando altri punti preziosi per il team. Ora ci concentreremo al massimo su Monaco e continueremo a lavorare in fabbrica per recuperare ancora più performance e raggiungere le Mercedes”. 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati