F1 | McLaren, De Ferran traccia la strada per il futuro della squadra: “Dobbiamo coltivare uno spirito d’unione”

"Ci sono molti personaggi brillanti in questa squadra, giovani e meno giovani, e l'importante sarà farli lavorare insieme", ha aggiunto

F1 | McLaren, De Ferran traccia la strada per il futuro della squadra: “Dobbiamo coltivare uno spirito d’unione”

In un’intervista rilasciata durante l’ultimo Gran Premio di Gran Bretagna, decimo appuntamento del mondiale 2018 di Formula Uno, Gil de Ferran ha parlato della rivoluzione in corso all’interno del team McLaren, sottolineando come una delle sue priorità sarà quella di ricreare uno spirito d’unione all’interno della base di Woking.

Negli ultimi mesi, infatti, all’interno della squadra si sono create delle pericolose fazioni, soprattutto dopo il “Freddo-Gate”, fattore che ha compromesso lo sviluppo tecnico della MCL33 e tutte le attività in pista da Monaco ad oggi. De Ferran lavorerà proprio in questa direzione, cercando di sfruttare al massimo il potenziale umano del team.

Ecco le parole di Gil De Ferran: “Nella mia carriera ho avuto sempre successo, prima come pilota e dopo come uomo d’affari, e ho sempre cercato di capire le mie debolezze. Non ho mai avuto paura nel fare il punto della situazione, ma per come la vedo io, almeno per quello che riguarda la McLaren, la chiave del successo è il lavoro di squadra. Dobbiamo coltivare uno spirito d’unione per costruire le capacità di questo team. Per me è chiaro che c’è molto talento in questa squadra”.

“Ci sono molti personaggi brillanti, giovani e meno giovani, e l’importante sarà farli lavorare insieme. Metterò come una delle mie priorità la comunicazione tra i vari dipartimenti, così da avere una fitta rete di informazioni all’interno dello stesso team. Chiariremo alcune cose con lo scopo di andare definitivamente avanti”, ha aggiunto.

F1 | McLaren, De Ferran traccia la strada per il futuro della squadra: “Dobbiamo coltivare uno spirito d’unione”
1.8 (36%) 5 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati