F1 | Hamilton critica le gomme 2017: “Non si può sempre andare al 100%”

L'inglese non è soddisfatto dal cambiamento: "Credo che avremo comunque del degrado, come sempre. Per me è come l'anno scorso"

F1 | Hamilton critica le gomme 2017: “Non si può sempre andare al 100%”

Lewis Hamilton ha più volte elogiato le gomme Pirelli per il 2017, anche se è rimasto deluso da alcune negatività che non rendono quindi gli pneumatici ancora pronti per la stagione. L’inglese, infatti, dopo aver testato la resistenza delle mescole e la maggior performance, ha specificato che in questa stagione non sarà possibile controllare il 100% della vettura in ogni momento, anche se le gomme sono più resistenti rispetto al passato e le vetture più veloci.

Le nuove P-Zero, inoltre, sono più stabili e permettono alle auto di andare al limite senza paura della loro durata. Hamilton, però, è scettico, perché i test hanno messo in evidenza ancora il consumo degli pneumatici. E probabilmente questa situazione peggiorerà anche con le gare nei paesi più caldi: “Non si può andare al 100% ogni giro, perché le gomme ancora si degradano. Gli pneumatici sono molto più difficili rispetto allo scorso anno. Certo, c’è meno probabilità che si sgretolino all’improvviso o che si surriscaldino, ma c’è ancora molto da fare”, ha detto nella sua ultima conferenza stampa pre stagionale. “Qui non c’è stato nemmeno tanto caldo, e quindi in posti come la Malesia ci sarà una grave caduta. Credo che avremo comunque del degrado, come sempre. Per me è come l’anno scorso”, ha concluso Hamilton.

Fabiola Granier

F1 | Hamilton critica le gomme 2017: “Non si può sempre andare al 100%”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Imola si candida per sostituire il GP di Cina

"È una specie di missione impossibile, ma tutto è possibile se Liberty vuole", ha detto Uberto Selvatico Estense
Con la sospensione del Gran Premio di Cina, rinviato negli scorsi giorni a data da destinarsi a causa del coronavirus,