F1 | Haas, Kevin Magnussen azzarda con la strategia: “Ci abbiamo provato”

I due piloti Haas terminano in sedicesima e diciassettesima posizione, con Grosjean che riceve anche una penalità per aver oltrepassato i track limits

F1 | Haas, Kevin Magnussen azzarda con la strategia: “Ci abbiamo provato”

Le due vetture Haas terminano il gran premio di Portimao fuori dalla zona punti. Kevin Magnussen e Romain Grosjean terminano la gara, rispettivamente, in sedicesima e diciassettesima posizione, con il danese che guadagna ben due posizioni rispetto a quella di partenza. Proprio Magnussen è stato l’unico a partire con la gomma hard, che ha sostituito con le medie al trentunesimo giro. Da li, è arrivato in volata tagliando il traguardo in diciassettesima posizione, ma è in sedicesima che si classifica grazie alla penalità inflitta al compagno di squadra. Grosjean ha ricevuto, infatti, una penalità di 5 secondi dopo il primo warning della direzione gara, per aver superato troppe volte i limiti della pista. Cambia poco, però, per la squadra americana.

I primi giri della gara sono stati scivolosi, ma divertenti – ha spiegato Grosjean – sono riuscito a risalire facendo dei bei sorpassi. Purtroppo, però, mancava performance da parte nostra. Abbiamo faticato davvero sui rettilinei, non riuscivo a sorpassare. Abbiamo fatto ciò che potevamo e tirato fuori tutto dalla vettura”.

Kevin Magnussen ha spiegato, invece, il piano dietro la sua insolita strategia, che però non è servita a molto.

Siamo partiti con gomma dura per essere sicuri di essere gli ultimi a rientrare ai box. Speravamo nella fortuna, nella pioggia, in qualche safety car, bandiera rossa, una virtual, ma nulla. Ne avevamo bisogno, con questa strategia. E’ stato un lungo stint, ma sapevamo che, con una regolare strategia, non avremmo avuto alcuna opportunità di entrare in zona punti. Ci abbiamo provato. detto questo, ho comunque battuto alcuni avversari su una tradizionale strategia. Era il meglio che potessimo fare“.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati