F1 GP Messico: Hamilton eguaglia Prost, Rosberg ancora secondo

Vettel sul podio dopo un duello micidiale con le Red Bull

F1 GP Messico: Hamilton eguaglia Prost, Rosberg ancora secondo

Lewis Hamilton vince il suo 51esimo GP della carriera, eguagliando il record del grandissimo Alain Prost, e festeggia sul podio insieme a Nico Rosberg e Sebastian Vettel. Il tedesco della Ferrari torna a bere lo champagne dopo un digiuno di dieci gare e un colpo di scena nelle fasi finali della corsa, in una lotta all’ultimo sangue con le due Red Bull. Ricciardo chiude quarto davanti al compagno Verstappen, penalizzato di 5 secondi mentre attendeva di salire sul podio, dal quale è stato poi allontanato per lasciare il posto al tedesco della Rossa. Kimi, Hulkenberg, Bottas, Massa e Perez completano la top ten.

Cronaca – Mercedes e Ferrari al via sulla gomma soft, gli altri sei della top ten con le supersoft. 19°C la temperatura dell’aria e 47°C quella dell’asfalto. L’Autodromo Hermanos Fernandez è srtracolmo quando si spengono i semafori e le due Mercedes scattano quasi all’unisono. Hamilton affonda il piede e prende terreno: bloccaggio alla prima curva che lo fa deviare nell’erba mantenendo però la leadership. Verstappen aggressivo su Rosberg tenta di passarlo all’interno e lo accompagna fuori; il tedesco taglia la chicane e si rimette davanti. Il contatto verrà messo sotto investigazione ma senza conseguenze alla fine. Ed è contatto al via anche tra Wehrlein, Ericsson e Gutierrez, con la Manor che termina la sua corsa al primo giro. Entra la safety car. Ricciardo subito dentro ai box monta la gomma medium. Al giro 2 Hamilton, Rosberg, Verstappen, Hulkenberg, Kimi, Massa, Vettel, Bottas, Perez, Sainz e Alonso. Al quarto giro rientra la safety car. Bottas subito aggressivo su Vettel e lo stesso fa Perez alle spalle del finlandese. Ricciardo intanto è risalito al 13esimo posto. Rosberg è a 2 secondi da Hamilton, mentre Verstappen alle sue spalle è staccato di 7 decimi. Al giro 13 Verstappen passa ai box, monta le medium e rientra 11esimo, mentre Ricciardo è risalito fino al nono posto.

Ai box anche Massa e Hulkenberg. Sainz intanto si prende 5 secondi di penalità per un precedente contatto con Alonso in curva 3. Al giro 17 Hamilton, Rosberg, Kimi, Vettel, Bottas, Perez, Ricciardo, Verstappen, Hulkenberg e Alonso, quindi lo spagnolo rientra ai box; lo segue Hamilton subito dopo e rientra quarto dietro a Vettel. Tra i primi dieci solo Rosberg le Ferrari e Perez devono ancora fermarsi. Al giro 21 dentro Rosberg e Kimi: il tedesco rientra terzo, il finlandese sesto. Vettel con la gomma soft è leader della corsa e unico che deve ancora fermarsi insieme a Nasr, mentre alle sue spalle sono tutti su medium dopo il primo pit stop – tranne Kvyat che è rimasto sulle soft. Dietro la Ferrari ci sono Hamilton, Rosberg, Verstappen, Ricciardo, Kimi, Hulkenberg, Bottas, Massa e Perez. Il messicano prova ancora a prendere la Williams ma no ce la fa.

Al giro 30 Vettel viene chiamato ai box ma subito dopo i meccanici rimettono le termocoperte. Il tedesco rientra effettivamente al giro 32 e monta anche lui le medium. Hamilton è tornato leader seguito da Rosberg, Verstappen, Ricciardo, Kimi, Vettel, Hulkenberg, Bottas, Massa e Perez. Tra le due Mercedes ci sono 4 secondi. Intanto Perez ci riprova su Massa ma di nuovo deve rimettersi alle sue spalle. Rosberg alle prese con i doppiati con Verstappen che ne approfitta per avvicinarsi al tedesco…

Al giro 45 Kimi è di nuovo ai box e monta ancora la gomma bianca. Sembra che il finlandese non fosse a suo agio… rientra così settimo. Hamilton è sempre il leader davanti a Rosberg, Verstappen, Ricciardo, Vettel, Hulkenberg, Kimi, Bottas, Massa e Perez. Al giro 48 Alonso si ferma ai box e passa alla supersoft, rientrando 18esimo. Rosberg si trova in crisi con un doppiaggio e Verstappen si tuffa su di lui: lo passa ma poi effettua un bloccaggio e finisce fuori perdendo il colpo. Al giro 51 Ricciardo ai box monta le soft. Kvyat intanto si becca 5 secondi di penalità per un sorpasso irregolare ai danni di Grosjean. Button si prende la 12esima posizione su Palmer e a dieci giri dalla fine Hamilton prosegue indisturbato davanti a Rosberg, Verstappen, Vettel, Ricciardo, Hulkenberg, Kimi, Bottas, Massa e Perez.

Vettel giro dopo giro si avvicina a Verstappen e lo stesso fa Ricciardo alle spalle del tedesco… La Ferrari tenta il sorpasso, Verstappen per difendersi finisce nell’erba, Vettel passa, ma l’olandese gli esce ancora davanti. Via radio gli viene detto di ridare la posizione ma niente, Verstappen prosegue indisturbato senza rispondere. Ricciardo ne approfitta per avvicinarsi e tenta anche lui il sorpasso su Vettel: ruota a ruota tra i due ma Vettel resiste.

Lewis Hamilton taglia il traguardo e si aggiudica la sua 51esima vittoria in F1. Seguono Rosberg e Verstappen, quindi Vettel e Ricciardo. L’olandese finisce nel retropodio ma poi arriva finalmente la comunicazione dei 5 secondi di penalità. Vettel corre così a prendersi ciò che gli spetta e sale sul podio insieme ai due della Mercedes. Intanto viene messo sotto investigazione anche il ruota a ruota tra Vettel e Ricciardo nei giri finali. Ma ora è solo tempo di festeggiare!

F1 GP Messico – Tempi e risultati Gara

1 Lewis Hamilton Mercedes 71 1h40m31.402s
2 Nico Rosberg Mercedes 71 8.354s
3 Sebastian Vettel Ferrari 71 17.313s
4 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 71 20.858s
5 Max Verstappen Red Bull/Renault 71 21.323s
6 Kimi Raikkonen Ferrari 71 49.376s
7 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 71 58.891s
8 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 71 1m05.612s
9 Felipe Massa Williams/Mercedes 71 1m16.206s
10 Sergio Perez Force India/Mercedes 71 1m16.798s
11 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 70 1 Giro
12 Jenson Button McLaren/Honda 70 1 Giro
13 Fernando Alonso McLaren/Honda 70 1 Giro
14 Jolyon Palmer Renault 70 1 Giro
15 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 70 1 Giro
16 Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 70 1 Giro
17 Kevin Magnussen Renault 70 1 Giro
18 Daniil Kvyat Toro Rosso/Ferrari 70 1 Giro
19 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 70 1 Giro
20 Romain Grosjean Haas/Ferrari 70 1 Giro
21 Esteban Ocon Manor/Mercedes 69 2 Giri
Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 0 DNF

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

13 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati