F1 | Force India, Szafnauer conferma: “Integrare il sistema Halo è stata un’impresa”

"Abbiamo avuto poco tempo per svilupparlo a dovere" ha aggiunto

F1 | Force India, Szafnauer conferma: “Integrare il sistema Halo è stata un’impresa”

In un’intervista rilasciata ai microfoni di racer, Omar Szafnauer ha parlato dell’integrazione del sistema Halo nel telaio della vettura 2018, sottolineando come lo sviluppo sia stato parecchio complicato, soprattutto per il peso e le dimensioni della “gabbia” di sicurezza. Secondo lo Chief Operating Officer della Scuderia indiana, adattare l’Halo al cockpit è stata un’impresa assai ardua e il poco tempo a disposizione degli ingegneri non ha certamente aiutato la realizzazione finale del progetto. Nonostante questo, però, la Force India è riuscita a superare brillantemente le operazioni di crash test, integrando quindi l’Halo nel telaio nel migliore dei modi.

Ecco le parole di Omar Szafnauer: “E’ stato un inverno abbastanza complicato. Abbiamo concentrato quasi tutte le nostre energie nello studio del telaio, ma l’incorporazione con l’Halo è stato un aspetto di vitale importanza. Non siamo un top team e le nostre risorse sono limitate, ragion per cui mettere insieme i pezzi non è stato affatto semplice. L’Halo, infatti, ha un peso non indifferente e incide tantissimo nel bilanciamento. Per adattarlo al contesto abbiamo svolto diversi test, progettando diverse volte gli agganci al telaio”.

“E’ stata una grande sfida. Purtroppo parliamo di un componente che è stato presentato tardi, ragion per cui abbiamo avuto poco tempo per svilupparlo a dovere. Inoltre il disegno definitivo è stato varato pochi mesi fa. Non è stato semplice, ma abbiamo completato tutti i crash test. Siamo in regola con i tempi che ci eravamo prestabili e questa è una cosa incredibile. Stiamo svolgendo davvero un ottimo lavoro” ha aggiunto.

Roberto Valenti

F1 | Force India, Szafnauer conferma: “Integrare il sistema Halo è stata un’impresa”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati