F1 | Ferrari, tutto pronto per il ritorno all’Istanbul Park

Si torna a correre in Turchia dopo ben otto anni

Ferrari protagonista di diverse battaglie all'Istanbul Park
F1 | Ferrari, tutto pronto per il ritorno all’Istanbul Park

La seconda parte della stagione 2020 a livello di circuiti ha offerto una splendida alternanza tra spettacolari nuove piste e graditi rientri. Se si eccettua la Russia, ormai in pianta stabile nel calendario da anni, abbiamo infatti visto il debutto della categoria al Mugello e a Portimão e il ritorno al Nürburgring e a Imola. Questo fine settimana si corre in Turchia, su un altro circuito molto amato dai piloti e sul quale non si gareggia ormai da nove anni: l’Istanbul Park.

Spettacolare curva 8. Il circuito misura 5.338 metri ed è caratterizzato da 14 curve alcune delle quali sono tra le più interessanti della stagione. Ci riferiamo in particolar modo alla prima, in forte discesa a sinistra subito dopo il rettilineo del traguardo. Qualcuno ha soprannominato questo passaggio il “Cavatappi Turco” in riferimento al famoso saliscendi di Laguna Seca, in America. Il punto più rappresentativo è però la curva 8, una velocissima piega a sinistra con quattro apici, simile a una delle sezioni della Nordschleife al Nürburgring. Da percorrere ci sono 58 giri pari a 309,356 km. La prima vittoria qui, nel 2005, venne ottenuta da Kimi Räikkönen, mentre l’ultima volta che si è gareggiato all’Istanbul Park, nel 2011, a trionfare è stato Sebastian Vettel. La Scuderia Ferrari in Turchia ha vinto tre volte, sempre grazie a Felipe Massa che qui ha centrato il suo successo numero uno nel 2006 ripetendosi poi pure nel 2007 e nel 2008.

Pubblico. Anche in Turchia erano attesi ogni giorno oltre 100.000 spettatori sugli spalti, ma il peggioramento della situazione legata alla pandemia di Covid-19 ha costretto gli organizzatori a chiudere le porte dell’autodromo.

Programma. Dopo che a Imola è stato sperimentato il programma con soli due giorni di attività di pista, in Turchia si torna al tradizionale formato con due sessioni di prove libere al venerdì, previste per le 11 e le 15 locali (9 e 13 CET) e la terza al sabato mattina alle 12 (10 CET). Le posizioni sulla griglia verranno definite a partire dalle 15 (13 CET), mentre l’ottavo Gran Premio di Turchia prenderà il via domenica 15 novembre alle 13.10 (11.10 CET).

FERRARI STATS

GP disputati 1004

Stagioni in F1 71

Debutto Monaco 1950 (A. Ascari 2°; R. Sommer 4°; L. Villoresi rit.)

Vittorie 238 (23,70%)

Pole position 228 (22,71%)

Giri più veloci 254 (25,30%)

Podi totali 772 (76,89%)

FERRARI STATS GP DI TURCHIA

GP disputati 7

Debutto 2005 (M. Schumacher rit.; R. Barrichello 10°)

Vittorie 3 (42,86%)

Pole position 3 (42,86%)

Giri più veloci 3 (42,86%)

Podi totali 7 (100%)

Gran Premio di Turchia: numeri e curiosità

0. I piloti turchi ad aver corso in Formula 1. Si contano invece due rappresentanti dello stato del Bosforo tra coloro che hanno corso nella serie cadetta: Can Artam, 32 gare fra Formula 3000 e GP2 e due punti nelle stagioni 2004 e 2005; e Jason Tahincioğlu, 40 gare e zero punti in GP2 tra 2006 e 2007.

3. I circuiti automobilistici in Turchia. Oltre all’Istanbul Park, inaugurato nel 2005 proprio dalla Formula 1, ci sono l’İzmit Körfez Circuit, costruito nel 1993 a Izmit, lungo 1.950 metri e in grado di ospitare gare di Formula 3, e l’Ülkü Park, a Smirne, costruito nel 1997 e lungo 2.186 metri, anche questo usato in passato per le gare del campionato di Formula 3 turco, una serie ormai scomparsa.

5. I piloti che hanno già gareggiato all’Istanbul Park in Formula 1. Si tratta di Kimi Räikkönen, che vinse la prima edizione della corsa, di Sergio Perez, di Daniel Ricciardo, di Lewis Hamilton, vincitore nel 2010, e di Sebastian Vettel, che trionfò nell’ultima edizione della corsa, disputata nella stagione 2011.

46. I km di distanza tra l’Istanbul Park e la città della quale porta il nome. L’impianto sorge infatti nel sobborgo di Tuzla, che conta quasi 200.000 abitanti. L’autodromo è stato disegnato dall’architetto Hermann Tilke ed è riconosciuto dai piloti come un impianto di eccellenza.

1972. L’anno della prima gara automobilistica internazionale svoltasi in Turchia. Si trattava del Günaydin Rally, che si è svolto fino al 2017 ed è spesso stata tappa del campionato europeo. A vincere la prima edizione fu il pilota locale Engin Serozan su una Renault 12. Oltre alle sette edizioni del Gran Premio di Formula 1, la Turchia ha avuto il proprio rally nel calendario del Mondiale per 13 volte tra il 2000 e il 2020. È esistita anche una serie locale di Formula 3 che si disputava con telai Dallara motorizzati FIAT. Il primo campione è stato nel 1994 Mahir Bayindir, l’ultimo, nel 2006, è stato Mert Tahincioğlu.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati