F1 | Attesa e riscatto, ma la Ferrari è la grande incognita della nuova stagione

La Rossa deve risalire la china dopo un 2020 da dimenticare

Nuovo motore e posteriore modificato, queste le armi di Maranello per il 2021
F1 | Attesa e riscatto, ma la Ferrari è la grande incognita della nuova stagione

Il Circus ha ricominciato a mettersi in moto con la presentazione delle nuove monoposto, tra le quali manca ancora all’appello la Ferrari. La Rossa toglierà i veli alla SF21 solamente il 10 marzo, due giorni prima dei test pre-stagionali che si disputeranno in Bahrain sul tracciato di Sakhir.

Maranello è, senza utilizzare giri di parole, la scuderia sulla quale saranno accessi i riflettori nel 2021. Sono infatti ancora fresche nella memoria le scialbe prestazioni dell’ultima stagione, dove la SF1000 ha colto solamente tre piazzamenti a podio (due con Charles Leclerc e uno con Sebastian Vettel) non andando oltre il sesto posto nel Mondiale costruttori. Un risultato così deludente che non si vedeva dal lontano 1980.

La SF21 sarà, visto il regolamento pressoché immutato in attesa del grande cambiamento regolamentare, un’evoluzione della SF1000 sulla quale però verrà montato un motore nuovo di zecca rispetto a quello depotenziato (per le note vicende di cui si è a conoscenza) dello scorso anno. Ma basterà la nuova cavalleria per permettere alla Ferrari di rimettersi in carreggiata? Come sempre bisognerà attendere il riscontro della pista che decreterà la bontà o meno di un progetto tecnico.

Già, l’aspetto tecnico. Un’altra area dove la Ferrari ha lavorato intensamente, avendo speso i due gettoni di sviluppo a disposizione per il retrotreno della monoposto rendendolo più stabile e meno scorbutico rispetto a quello del 2020. Sono queste le carte che si giocherà la Ferrari per risalire la china. Tra attesa e riscatto si attende la risurrezione sportiva da parte della Rossa. Maranello è chiamata a dare risposte.

La concorrenza (McLaren, Aston Martin, Alpine) non starà certamente a guardare, con la lotta per il gradino più basso del podio iridato che si preannuncia serrata e avvincente alle spalle del duo Mercedes-Red Bull che al momento appare irraggiungibile, ma la Ferrari si gioca una partita importante. Molto importante. Un altro 2020 non è assolutamente contemplabile. Il 2021 deve rappresentare quel trampolino di lancio verso quella nuova era della Formula Uno dove, almeno sulla carta, i top team e non solo dovrebbero – il condizionale è più che mai d’obbligo in questi casi – partire ravvicinati.

La speranza di vedere una monoposto migliore c’è, ora tocca alla Ferrari confermare l’auspicio in cui confidano tutti i tifosi del Cavallino.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati