E ho guardato dentro un’emozione: Raikkonen si prende Austin e chiude il cerchio

Il capolavoro di Kimi in America destinato a restare scolpito nei cuori dei tifosi del Cavallino

E ho guardato dentro un’emozione: Raikkonen si prende Austin e chiude il cerchio

Attesa, agognata, cercata, voluta, sperata, trovata. La vittoria di Kimi Raikkonen ad Austin, a distanza di cinque anni dal suo ultimo successo in F1 (Australia 2013 con la Lotus) e di ben nove dal suo ultimo trionfo con la Ferrari (Spa 2009) è Storia che si completa, è un cerchio che si chiude, è stella polare di un universo di emozioni, sentimenti, gioie e delusioni.

Il commiato del prode finnico dalla Ferrari non poteva essere lasciato alla dolcissima banalità di podi e piazzamenti, necessitava di una prodezza, di un acuto, di un numero degno della classe di questo (finto) freddo highlander, di un Iceman che sa sciogliersi al punto giusto, tanto da inchinarsi alla platea rossa sul podio e affermare: “Lascio al momento giusto quella che per me è una famiglia, forse le persone sottovalutano il mio amore per la Ferrari”.  

Ma forse è Kimi a sottovalutare l’affetto dei tifosi nei suoi confronti. A undici anni esatti dall’epico trionfo iridato di Interlagos Raikkonen ci ha regalato un capolavoro denso di significato che da solo vale una stagione. La partenza decisa, il ritmo tambureggiante, la gestione pressoché perfetta delle gomme. Nel mezzo una difesa da manuale sull’arrembante Lewis Hamilton: traiettorie diverse, chiusura degli spazi, guida tonda per sfruttare al meglio le Pirelli consunte.

In questa vittoria c’è davvero tutto Kimi, perché è stata una (piccola grande) rivalsa fondata sul talento, sul passo gara, sulla consistenza e la lucidità nel gestire un finale dove la Ferrari numero sette era a tiro di schioppio di due funamboli che non fanno sconti. Il vecchio fuoriclasse nordico ha controllato in modo magistrale il ragazzino terribile e il fuoriclasse straccia record.

Ci è sembrato di rivedere il Raikkkonen di Suzuka 2005, delle Ardenne, di Interlagos 2007: spietato, impeccabile, chirurgico nella guida. Come se il tempo si fosse fermato, come se il tempo fosse davvero una dimensione nella quale poter andare davanti e indietro, come se fossimo tutti di colpo ringiovaniti, tornati a riassaporare sensazioni ormai lontane.

E’ questa la magia di Raikkonen, essere stato alfiere e simbolo della Ferrari per due decadi, averla rappresentata sempre con stile, professionalità, eleganza. Pochissime le parole, ma mai banali. Dieci le vittorie in otto anni, ma tutte bellissime, alcune importantissime.

Ho fatto il mio tempo in Ferrari, sono contento di andare in Sauber, la sede è anche a pochi km da casa”. Intimistico e crepuscolare, quasi delicato nel sollevare la Rossa dalla (scellerata?) decisione di non rinnovargli il contratto. Perché il tempo sembra passare un po’ per tutti, ma non per questo eterno ragazzo che a 39 anni ha fatto ancora esultare e piangere l’intero popolo rosso.

Antonino Rendina


E ho guardato dentro un’emozione: Raikkonen si prende Austin e chiude il cerchio
5 (99.15%) 94 votes
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. cevola

    22 ottobre 2018 at 21:33

    Gli ultimi dieci giri sono stati un calvario, ho avuto la stessa emozione come se ci fosse stato il titolo in palio. Grande Kimi, te lo meritavi e sono molto contento per te!

  2. Luigi176

    22 ottobre 2018 at 22:18

    Condivido in pieno. Bell’articolo, Sig. Rendina. Raikkonen ci ha regalato una grande emozione, ma io sono molto contento per lui: meritava almeno ancora una vittoria “in rosso”, dopo le tante volte che è stato sacrificato nelle prestazioni e nei risultati per aiutare il compagno di squadra nella lotta al titolo. Kimi è un professionista serio e un gran pilota; non avrà forse più la velocità dei tempi d’oro, ma sa ancora essere efficace e, vale almeno per me, sa emozionarmi ancora come un tempo.

  3. Magu

    22 ottobre 2018 at 23:54

    Dopo qualche GP ad inizio stagione molti giornalisti auspicavano e alcuni pretendevano il siluramento di Kimi in favore di Leclerc…adesso dopo una vittoria ( conquistata alla grande e meritata) i soliti giornalisti sono ad osannarlo e a chiedersi se non era meglio aspettare a fare lo scambio dei sedili…chiaramente nell’articolo si omette di dire che Kimi ha potuto fare la sua gara e conquistarsi il meritato successo anche grazie all’ennesimo errore stagionale di Vettel..Dell’intoccabile Vettel…perché ad Austin la Ferrari era superiore a Mercedes e Red Bull e Vettel avrebbe potuto giocarsi la vittoria, anzi l’avrebbe ottenuta sicuramente con Kimi che si sarebbe fatto da parte ( giustamente) conquistando un a dopietta che almeno nella classifica del mondiale a squadre avrebbe fatto comodo…
    Cmq Onore a RAIKKONEN..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati