Auguri a Jenson Button: trentuno anni oggi

Auguri a Jenson Button: trentuno anni oggi

All’inizio della sua dodicesima stagione di F1, possiamo considerarlo ormai un esperto della massima categoria.

Pochi giorni dopo il suo compagno di squadra, anche Jenson Button compie gli anni. Il pilota inglese, classe 1980, spegne oggi 31 candeline sulla sua torta.

La carriera di Button in F1 è sempre stata contraddistinta da alti e bassi, soprattutto (aggiungiamo) in relazione al mezzo meccanico con il quale ha corso durante gli anni.

Al posto sbagliato nel momento sbagliato
E’ innegabile che alcune delle sue annate siano state negative in gran parte per colpa della vettura portata in pista. Al di là dell’esordio in Williams nel 2000, nel quale ha comunque portato a casa dei punti (l’esatta metà di Ralf Schumacher, 12 contro 24), il biennio 2001/2002 in Benetton e gran parte dell’esperienza Bar/Honda non gli hanno permesso di esprimersi al meglio.

Ricontrollando le prestazioni durante le sue 11 stagioni, salta all’occhio come, con la Bar/Honda, solo l’anno 2004 sia stato molto buono. La prima parte del 2005 ha visto invece una flessione. Ricorderete tutte le modifiche regolamentari apportate quell’anno per cercare di ‘smuovere le acque’ (leggasi stoppare il dominio Ferrari, cosa riuscita tra l’altro). Nella seconda parte dello stesso anno le prestazioni della vettura e quindi di Jenson sono migliorate, e nel 2006 si può parlare di una stagione discreta, con 56 punti conquistati.

Il tracollo tecnico della squadra nel biennio 2007/2008 ha portato l’inglese e Barrichello sul fondo della classifica. Da qui l’intuizione che, con il passare degli anni, il pilota può metterci lo zampino ma non può comunque sopperire alle mancanze tecniche di una vettura. E questo effetto si accentua sempre più.

La svolta
L’inversione di tendenza (e che inversione) arriva proprio quando tutto sembra finito. Honda decide di mollare il colpo a fine 2008, e i due piloti rischiano di guardare il Mondiale 2009 da soli. Cosa che sostanzialmente fanno per metà anno, non da un divano ma dall’alto della superiorità della BrawnGP, nata dalle ceneri della Honda e portata alla ribalta grazie al discussissimo doppio diffusore. La storia la conosciamo. Jenson sfrutta la prima metà dell’anno per mettere al sicuro il suo primato in classifica, e vive di rendita fino alla fine dell’anno, difendendosi dal ritorno di Sebastian Vettel, con la RedBull RB5. Campione del Mondo, per molti immeritatamente. Per noi no. Al di là della superiorità del mezzo, bisogna anche ‘esserci’ ed essere pronti a sfruttare le occasioni. Cosa che Jenson ha fatto egregiamente.

L’etichetta di fortunello, comunque, non gliela toglie nessuno, e per il 2010 il suo approdo in Mclaren al fianco di Lewis Hamilton viene visto come una delusione annunciata.
In pochi scommetterebbero su di lui, in molti parlano di confronto in squadra deciso a priori a favore del giovane Lewis, soprattutto alla luce della sua prima esperienza in squadra con un altro Campione del Mondo, Fernando Alonso.

Fatto sta che, come spesso succede quando ti aspetti prepotentemente una cosa, te ne ritrovi sotto gli occhi un’altra.
Succede, infatti, che Button vince due delle prime quattro gare, e bisogna aspettare il gp del Canada perchè Hamilton riesca a pareggiare i conti. E solo con la splendida vittoria di Spa il numero 2 riesce a sorpassare, come numero di vittorie, il campione in carica.

Il campionato finisce con Lewis a quota 240 e Jenson a quota 214. Soli 26 punti di differenza che vengono spiegati con l’irruenza, che piace ma è a volte esagerata, di Hamilton (vedasi Monza e, in collaborazione con Webber, Singapore) e i due incidenti di cui è stato vittima Jenson. Quello con Vettel a Spa e quello ‘tecnico’ della copertura del radiatore abbandonata a Montecarlo. Gli unici due ritiri dell’inglese. Che non è aggressivo, scenico e/o spettacolare, ma tremendamente concreto.

E questa è la dote principale dell’inglese, la concretezza di risultati. Dal punto di vista puramente velocistico è corretto dire che non sia al livello dei migliori, ma compensa questa mancanza con il fatto di sbagliare pochissimo e riuscire a trattare con delicatezza la vettura, così da poterla sfruttare completamente ma senza esagerare. Basta rivedere le sue 2 vittorie di quest’anno (Australia e Cina) in condizioni molto difficili per le strategie e l’usura delle gomme.

Per quanto riguarda la fortuna del 2009 possiamo dire che sì, è stato avvantaggiato dalla vettura, ma ha saputo comunque sfruttare l’occasione e questo non capita a tutti (Massa 2008, ad esempio). Ma bisogna anche ammettere che, per legittimare il Mondiale scorso, ha dovuto correre in questo modo il 2010. Perchè non tutti avrebbero firmato per un distacco così basso dal compagno di squadra alla fine dell’anno. Anzi, forse molti avrebbero pensato ad una differenza simile a quella tra Alonso e Massa (più o meno 100 punti).

Concludendo
Anche Jenson, come Lewis d’altronde, si aspetta di trovare come regalo una Mclaren più competitiva rispetto all’anno scorso. Soprattutto, si aspetta una monoposto più ‘costante’ e meno sensibile alle variazioni. Vedremo cosa saranno capaci di fare a Woking, intanto auguri di Buon Compleanno e buoni festeggiamenti (con Jessica, poi!)

Alessandro Secchi
F1Grandprix.it

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

15 commenti
  1. Fabio

    19 Gennaio 2011 at 13:51

    Auguri,quasi quasi lo invidio: campione del mondo,ricco,bello,31 anni e..Jessica!!!!!

  2. ridas22

    19 Gennaio 2011 at 13:55

    Auguri a Jenson!

  3. Keisuke Honda

    19 Gennaio 2011 at 14:01

    Grande Jenson,da molti sottovalutato e quest’anno ha fatto vedere che il mondiale 2009 non è stato un caso,mettendo in difficoltà il tanto osannato Hamilton(che rimane comunque più veloce di lui)

  4. Alex. (tifoso Williams)

    19 Gennaio 2011 at 14:08

    Vero Keisuke Honda, per ne è ancora un buon pilota… Tanti auguri jenson…

  5. certom

    19 Gennaio 2011 at 18:53

    “discussissimo” non l’avevo mai sentito ma rende bene l’idea 😉

  6. GOGOOO

    19 Gennaio 2011 at 19:36

    Alessandro Secchi, ti quoto alla grande… veramente reale questo articolo! Bravo Button e auguri!

  7. TheRealJB86

    19 Gennaio 2011 at 20:38

    Auguri al mio idolo!!

  8. Alessandro Secchi

    19 Gennaio 2011 at 20:58

    Discussissimo? Ma sì, licenza poetica 😛

  9. lemmy

    19 Gennaio 2011 at 22:57

    Auguri Jenson!!!! un bel pilota e un gran signore in pista e fuori!!! molti dovrebbero imparare da lui!!! specialmente uno che ha spesso e volentieri la tendenza a far gestacci a piloti che ritiene lo danneggino….mi pare sia spagnolo e guidi una macchina rossa….ma non mi viene il nome… 😉

  10. gh

    20 Gennaio 2011 at 01:20

    Auguri Campione! Un Lord in pista e fuori. Hamilton dovrebbe imparare molto dal suo compagno.

  11. DARKZOE

    20 Gennaio 2011 at 11:18

    Davvero un gran bel personaggio Jenson e un probabile protagonista del prossimo campionato Tanti auguri

  12. Beppe (tifoso RedBull)

    20 Gennaio 2011 at 20:40

    Auguri Jenson!!
    Anche se non sono tuo tifoso ti stimo per la tua correttezza anche se dovresti essere un po’ più combattivo come ai tempi della BAR-HONDA.
    Fantastica la sua carriera pensando che rischiava di concluderla a fine 2008.

    Beppe

  13. paio

    20 Gennaio 2011 at 21:34

    Articolo molto bello e veritiero.Auguri Campione e grazie x tutti i magici momenti che fai vivere a tutti gli appassionati!

  14. Bonfi

    21 Gennaio 2011 at 08:37

    Auguri a Jenson!

  15. ValtellineseDOC

    24 Gennaio 2011 at 19:32

    Auguri grande, salutami la morosa…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Button parteciperà alla 1000 Km di Suzuka

Il pilota inglese correrà con una Honda nella gara valida per il campionato Super GT
Dopo Fernando Alonso anche Jenson Button prenderà parte ad una competizione motoristica ben diversa dalla Formula 1. Se lo spagnolo