Allison: “La Lotus ha dimostrato il potenziale”

Il direttore tecnico è soddisfatto dal passo dimostrato in Cina dalla E20

La Lotus in Cina raccoglie un sesto posto con Grosjean e ha visto il crollo finale di Raikkonen per colpa delle gomme, ma la vettura è veloce e bilanciata
Allison: “La Lotus ha dimostrato il potenziale”

James Allison, direttore tecnico della Lotus, è comunque soddisfatto del passo di gara della E20, che in Cina ha chiuso al 6° posto con Romain Grosjean ma che ha patito un grave crollo di prestazioni con le gomme sulla vettura di Kimi Raikkonen, che ha terminato 14°.

“Questo fine settimana rafforza solo la sensazione che abbiamo avuto nelle prime due gare, cioé che abbiamo un sacco di potenziale con questa vettura”, ha spiegato il tecnico inglese. “Penso che inizieremo a fare punti in maniera costante al più presto. Siamo stati molto, molto vicino ai primi in Cina e anche se non abbiamo raccolto molto, abbiamo scelto la strategia giusta per il giorno e abbiamo quasi trasformato una gara normale in un ottimo risultato. L’unica cosa che recrimino è che probabilmente il secondo stint con Kimi non è stato abbastanza lungo, e lo ha lasciato in pista alla fine con le gomme deteriorate. Ci sono aspetti positivi da prendere, però. Entrambe le vetture erano ben bilanciate per tutta la gara. Entrambi i piloti erano competitivi. Siamo stati battuti dalla Mercedes, ma lo sono stati anche tutti gli altri”.

Allison però ritiene che il salto di qualità lo si vedrà in Bahrein, grazie alle temperature più calde. “La vettura era molto ben bilanciata in gara, ma è stato un weekend molto difficile e non solo per noi. I pneumatici erano fuori dalla finestra di funzionamento da un punto di vista della temperatura. Questo ha reso sempre così difficile prendere decisioni sulla strategia, ogni intervento sulla macchina avrebbe potuto essere una cosa buona o una cattiva. Questo è stato fonte di ansia per noi, ma dai risultati di Romain direi che le scelte hanno funzionato molto bene i suoi pneumatici. Anche il primo stint di Kimi, quanto era attaccato al paraurti Button, ha dimostrato che andavamo bene. Adesso andiamo a Bahrain sapendo che avremo temperature migliori per le gomme, che ci permetteranno di valutare il pacchetto di aggiornamento che avevamo già pronto in Cina ma che non abbiamo utilizzato per la gara. A Sakhir avremo bisogno di buona trazione e di lavorare sui freni, ma come bilanciamento siamo a posto”, ha concluso il dt della scuderia anglo-francese.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

12 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati