Agostini: “Non capisco la decisione di Rosberg”

La leggenda del Motociclismo non ha apprezzato la scelta del pilota Mercedes

Agostini: “Non capisco la decisione di Rosberg”

Il ritiro di Nico Rosberg ha sconvolto il mondo dello sport anche oltre i confini delle quattro ruote con grandi campioni interessati ai motivi che hanno portato il campione del mondo a fare una scelta del genere.

In una recente intervista alla Gazzetta dello Sport è stato Giacomo Agostini a dire la sua sull’argomento. Da campione conclamato del Motociclismo mondiale ha provato a capirci di più sulle motivazioni del pilota Mercedes.

“Non capisco la decisione di Rosberg – ha ammesso – mi chiedo se avesse davvero una grande passione o se più semplicemente voleva solo vincere il titolo. Ci vuole certamente coraggio per rinunciare a molti milioni ma penso anche a Francesco Totti che a 40 anni non si è ancora fermato. Quando io mi sono ritirato ho pianto per tre giorni”.

Il paragone con una quasi analoga situazione della MotoGP è presto fatto: “Nico ha fatto un po’ quello che Casey Stoner aveva già fatto, anche se per lui è stato un po’ diverso. Ma dispiace vedere uno che ha il dono di Michelangelo e lo butta via”.

Dal canto suo, Rosberg ha più volte avuto modo di rispondere alle critiche e spiegare nel dettaglio la sua decisione: “Ho avuto una carriera molto bella, ho ottenuto quello che volevo e ci sono riuscito. Ora ho molto tempo per guardare al futuro e per trascorrere più tempo con mia figlia. Bisogna permettere a tutti di scegliere la propria strada”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. lucaraikkonen

    12 Dicembre 2016 at 13:16

    Non tutti siamo uguali. E penso che aver raggiunto il primo titolo un po tardi e con la consapevolezza che ripetersi sarebbe stato difficilissimo siano cose che hanno influito. Se avesse vinto da giovane credo che sarebbe stato diverso. Ad esempio Kimi che vinse 10 anni fa credo che continui perché vuole riprovare certe sensazioni. Ognuno ha una sua motivazione.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati