ACI, Gelpi: “Il GP di Monza quest’anno celebra anche i 150 anni dell’ Unità d’ Italia”

ACI, Gelpi: “Il GP di Monza quest’anno celebra anche i 150 anni dell’ Unità d’ Italia”

“Il Gran Premio di Formula1 di Monza – dichiara il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Enrico Gelpi – non è solo il principale evento motoristico in Italia e una delle gare più prestigiose e storiche del mondo, ma costituisce un formidabile strumento di promozione di Monza, della Lombardia e dell’intero Paese, con benefici diretti per l’economia del territorio”.

“Quest’anno il Gran Premio assume un significato extrasportivo di grande rilievo – aggiunge Gelpi – rientrando tra le manifestazioni ufficiali per festeggiare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Una targa celebrativa della Presidenza della Repubblica e una speciale bandiera tricolore, inviate dal presidente Giorgio Napolitano all’Automobile Club d’Italia, saranno esposte nella sala ospitalità dell’ACI in autodromo”.

“In occasione del Gran Premio – conclude il presidente dell’ACI e vice presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile – sarà promossa dall’Automobile Club d’Italia anche la campagna sulla sicurezza stradale della FIA denominata “Action for Road Safety” che – come progettato dal presidente FIA, Jean Todt – rilancia una nuova e più forte sinergia tra mobilità e sport a sostegno della sicurezza stradale”.

ACI, Gelpi: “Il GP di Monza quest’anno celebra anche i 150 anni dell’ Unità d’ Italia”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

4 commenti
  1. Monty

    6 settembre 2011 at 18:30

    Tante belle parole: il 150°, il GP d’Italia, la sicurezza ecc. ecc, peccato che i costi rimangano folli per gli spettatori e i tifosi che vogliano recarsi al Gran Premio.
    Anche per chi una sola volta vorrebbe portare ad esempio i figli a vedere una gara di F1, i costi sono veramente eccessivi.
    La vergogna che tutti gli autodromi italiani a partire da Vallelunga(proprietà dell’ACI che dovrebbe essere d’esempio e promuovere la sicurezza con costi abbordabili e non solamente a parole) e il Mugello (proprietà ferrari) hanno costi Proibitivi per chi vorrebbe accingersi qualche volta a fare delle prove libere con auto-moto, ..mentre nel resto d’europa i costi sono drasticamente inferiori.

  2. Davide

    6 settembre 2011 at 18:46

    Basta con sti 150 anni, non se ne può più !!!!

  3. fabrizio

    6 settembre 2011 at 18:55

    Ecco qui l’ACI…che si riempie la bocca con Monza e lo sport solo in occasione del Gran Premio di F1…Discorsi demagogici.La domanda che gli appassionati di automobilismo si fanno:ma quando l’ACI e la CSAI si impegneranno con maggior convinzione per aiutare i nostri giovani(meritevoli)ad arrivare al top ???

    • Mattia

      7 settembre 2011 at 08:46

      Probabilmente quando ci saranno persone meritevoli e non figli/amici di politici.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati