Vettel: “Le mie vittorie non solo merito della vettura”

"In passato, non ci sono mai stati piloti vincenti con vetture mediocri"

Vettel: “Le mie vittorie non solo merito della vettura”

Sebastian Vettel ha respinto le critiche di chi attribuisce i suoi successi alla superiorità tecnica della Red Bull Racing. Domenica il tedesco si giocherà il terzo titolo iridato con Fernando Alonso.

“Penso che se guardiamo al passato, non ci sono mai stati piloti davvero, davvero vincenti con una vettura realmente poco competitiva” ha dichiarato Vettel nel giovedì del GP Brasile.

“E’ una cosa naturale: un giorno arriva un pilota competitivo in un team competitivo e la combinazione che ne deriva è difficile da battere. E’ normale essere al volante di una vettura più debole. Siamo stati tutti in quella situazione. Michael Schumacher ha iniziato con la Jordan, che non era competitiva, ma si è messo in luce, Fernando ha iniziato in Minardi e ha fatto altrettanto. Io ho iniziato con la BMW sostituendo per una gara Robert Kubica, fu una grande occasione, e dopo ho ottenuto un posto alla Toro Rosso, che all’epoca non aveva una vettura competitiva, ma abbiamo fatto un buon lavoro e abbiamo addirittura vinto una gara. Il passaggio alla Red Bull fu divertente e fu una stagione fantastica, per la prima volta eravamo in grado di essere competitivi, finire sul podio e vincere delle gare. Il mio percorso è stato piuttosto normale”.

Vettel ha dichiarato che tutto può succedere ad Interlagos nonostante il suo vantaggio di 13 punti: “E’ sport e può succedere di tutto. Dobbiamo pensare a noi stessi. Il weekend inizia domani mattina e non domenica. Dobbiamo fare un passo alla volta, assicurarci di ottenere il miglior risultato possibile. Storicamente siamo sempre stati molto veloci qui. Sappiamo che è un posto dove molte cose possono accadere. Dobbiamo essere attenti e vedere cosa è possibile ottenere”.

VETTEL E’ CAMPIONE SE:
– Conclude tra i primi 4 
- Conclude quinto, sesto o settimo e Alonso non vince
– Conclude ottavo o nono e Alonso è terzo o peggio
– Conclude decimo o peggio e Alonso non sale sul podio

ALONSO E’ CAMPIONE SE:
– Vince e Vettel è quinto o peggio
– E’ secondo e Vettel è ottavo o peggio
– E’ terzo e Vettel è decimo o peggio

Vettel: “Le mie vittorie non solo merito della vettura”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

112 commenti
  1. tatanka

    22 novembre 2012 at 21:33

    Vettel ha ragione. Lui è il futuro e data la sua giovane età ancora non l’apprezzano come dovrebbero.
    Tra qualche anno, quando verrà considerato un veterano, diventerà di botto un campionissimo con una sfilza di record.
    Poi quando passerà in Ferrari diventerà quello che alonso non è mai riuscito a fare….diventare il nuovo Schumacher.

    • f1erally

      22 novembre 2012 at 22:15

      Ma se Schumacher anche con macchine disastrose faceva magia, lui quasi piange quando è dietro solo di 2 decimi…
      http://www.youtube.com/watch?v=sfRTiPVsL0Y

      • Dariok

        23 novembre 2012 at 10:07

        purtroppo però la gente pensa solo a Schumy nel 2004 quando aveva un’astronave!

  2. Frenk

    22 novembre 2012 at 21:40

    Se anche solo il 5% lo hai avuto dalla macchina è stato comunque un vantaggio,e te la stai menando fino all’ultima gara…

  3. luciano

    22 novembre 2012 at 21:41

    ha ragione, con una macchina lenta non si vince.. lui ha la fortuna di avere una redbull.. “La fortuna è ciò che accade quando la preparazione incontra l’ opportunità” se fosse stato scarso non avrebbe vinto nemmeno con la red bull… come il campione piu forte di sempre non avrebbe mai vinto con una hrt…

  4. frosco

    22 novembre 2012 at 21:56

    Devo dire che, pur essendo ferrarista sfegatato, Seb mi piace tantissimo come pilota. è ovvio che sulla pista mi sta sul cacchio, è normale, ma dal lato umano mi sta tanto simpatico, nonostante certe volte cada un po’ di stile. Ma mi piace soprattutto per il suo carattere da combattente, che manda a f*****o i giornalisti che gli fanno domande idiote. Preciso, io non sono suo tifoso perché io non tifo un pilota, ma la macchina, però, come persona, mi piace molto. Lo so, ora mi prenderete per pazzo, in quanto tifoso sfegatato Ferrari, però, intanto, è quello che penso. Se dovesse vestire in rosso, con tutto il rispetto per Nando, ma tiferei Vettel.

  5. braysen

    braysen

    22 novembre 2012 at 22:46

    Ma come caxxo fate a dire che Vettel non è agevolato da quel missile che ha sotto il sedere?
    Sicuramente è un ottimo pilota, ma volevo vederlo sulla F2012 di quest’anno se avrebbe ottenuto i risultati di Fernando e non lo dico perchè cè l’ho con lui in quanto ferrarista!
    Se non fosse stato per l’enorme incremento tecnico pieno di forti dubbi regolamentari della redbull dopo Singapore(oltre 1 secondo guadagnato),Vettel non aveva fatto vedere nulla di eclatante quest’anno! Si è migliorato e ha cominciato ad andare fortissimo non appena ha avuto la vettura più forte.
    Ecco perchè è un pilota sopravvalutato e a mio avviso inferiore ad Alonso ed Hamilton!

  6. GianniC

    22 novembre 2012 at 22:59

    Le dichiarazioni del perfetto ipocrita!!!

    Lui ha iniziato in BMW grazie al pompamento tedesco e del suo mentore,
    mica stiamo parlando della vecchia Giancarlo Minardi!!

    L’anno successivo la Toro Rosso montava tutto della R.B. ufficiale, a tal punto che fu richiamata più volte dalla Federazione,
    chissa poi perché?

    Non sarà che bisognava pompare il raccomandatello?
    non e? ma ci faccia il piacere!!!

    Caro Vettel ti sfugge che un certo Fernando Alonso si è ritrovato a lottare per ben 2 volte a pieni voti con una mezzo che vale una spanna meno del tuo missile aria-terra, e che appunto ci vincerebbero in gergo cani e *orci

    Caro Fettel!! E’ vero quando dici che per vincere il mondiale occorre la migliore macchina ma Alonso da quando veste di rosso NON HA MAI GUIDATO UN MISSILE ARIA-TERRA!! Eppure a momenti riesce a farti andare di traverso i tuoi furti.

    Dov’eri questanno quando la tua macchina era SOLO di poco superiore alla concorrenza?

    Che cosa hai combinato di buono in quei frangenti oltre a farti umiliare dal secondo pilota? ovvero fino a che ques’ultimo non ha posto la firma sul rinnovo del contratto? (e poi segato).

    @ FETTE!!! MA CI FACCIA ALMENO IL PIACERE DI STARE ZITTO!!!
    SI VINCA IL SUO ENNESIMO MONDIALE DI CARTONE ED EVITI DI ROMPERE LE BALLE!!

    • f1erally

      23 novembre 2012 at 00:22

      Ma ne può vincere altri 10 così…

      Gli intenditori di automobilismo è già da un pò che si esprimono a riguardo…

      UN DAMON HILL, niente di più…

  7. f1erally

    23 novembre 2012 at 00:18

    Per strige e alessio 7

    Non mi permettono il collegaqmento;
    ma fidatevi!!!

    Vettel non si allontana da Newey, neanche se lo deve seguire alla Katerham!!

    AHAHAHAHAH…………

    F1, Vettel: staff Red Bull fattore chiave per il rinnovo del contratto
    Commenti (16) Condividi Share on emailEmail Stampa

    Come assicurarsi un campione del mondo per le stagioni future? Scegliendo le persone giuste. O meglio, quelle che soddisfano le “esigenze” dell’iridato 2010 Sebastian Vettel. Il giovanissimo pilota del team austriaco, ha recentemente confessato che la sua decisione di estendere il contratto con la Red Bull è stata infatti determinata dalla conferma di altre persone all’interno del team, primo fra tutti, colui che ha costruito il missile che ha permesso al biondino di Heppenheim di conquistare la vetta: Adrian Newey.

    RED BULL RACING. Se Sebastian Vettel è ancora alla Red Bull dobbiamo ringraziare Adrian Newey. In una recente intervista al settimanale Autosprint, il campione del mondo in carica ha infatti dichiarato che la presenza di determinate persone all’interno del team austriaco si è rivelata vitale nel momento di decidere se prolungare o meno il proprio contratto con la squadra di Milton Keynes. Alla vigilia della stagione 2011, il giovane iridato aveva annunciato di aver firmato con la Red Bull fino al 2014, nonostante i soliti rumors che vorrebbero il pilota tedesco tentato dalla Rossa di Maranello. Assieme a Vettel, il team campione del mondo in carica aveva inoltre annunciato il rinnovo di una cinquantina di contratti all’interno dell’azienda. E proprio la conferma di determinate figure dello staff avrebbero convinto il driver iridato a non abbandonare la nave.

    SEBASTIAN VETTEL. “Si è vero, la presenza di alcune persone all’interno del team è stata determinante”, ha confessato Vettel ad Autosprint, “ma non si tratta solo di Adrian, anche se lui è una delle persone più importanti qui. È difficile pianificare il futuro, perché non sai mai cosa può accadere, ma so che volevo prolungare il mio contratto in una squadra come questa”. Finché ci saranno Newey e altre figure chiave, alla Red Bull non dovranno dunque preoccuparsi di veder partire il proprio beniamino alla volta di Maranello… “La Ferrari? Se ne parlo spesso è solo perché me lo chiedono spesso”, ha proseguito Vettel. “Ci sono due motivi: primo, la Ferrari rappresenta qualcosa di speciale, come ho già detto diverse volte; secondo, ogni volta devo rispondere a chi mi fa domande in proposito: è una situazione che si alimenta da sé. Per me la Ferrari è una leggenda: un giorno potrebbe essere un onore far parte della lista dei suoi piloti. Ma questo non significa che voglia andarmene adesso. Sono felice dove sono ed è per questo che ho firmato per un altro paio d’anni”.

  8. dixon

    23 novembre 2012 at 00:19

    ecco………..quando uno parla chiaro e limpido:devo ammettere che vettel non mi è mai stato simpatico e col tempo ho capito che la spiegazione sta’ nel fatto che è soppravalutato.

  9. Dariok

    23 novembre 2012 at 10:13

    una domanda ai detrattori di Vettel (che avevo già posto tempo fa)
    Hamilton il primo anno in F1 arriva su una grande McLaren, fa la stagione che fa e viene considerato da tutti (giustamente) un fenomeno. Ma su una super auto che se non fosse stato per l’idiozia del box avrebbe vinto il titoli piloti.
    Vettel comincia in Toro Rosso dove, a parte la vittoria di Monza, dà paga ai fratelli maggiori della Red Bull.
    Il primo anno in red Bull è vicecampione del mondo (probabilmente il più giovane vicecampione nella storia)
    Poi il resto va come va e probabilmente domenica diventa il più giovane tri-campione della storia.
    Ma cosa dovrebbe dimostrare ancora a chi?

    • f1erally

      23 novembre 2012 at 11:10

      bbè se lui ci tenesse a correre il rischio di dimostrare che i suoi meriti non vengono dal guidare le macchine di Adrian Newey potrebbe provare a cambiare scuderia, ma chi lo farebbe?? A ragione…

      Il fatto ripeto a dire è che Newey non fa macchine migliori delle altre di solo 2-3 decimi;
      ma da un secondo a salire e quando un pilota per la maggior parte delle gare che vince,
      le vince partendo dalla Pole “anch’ essa conquistata con margine” ed il compagno te lo trovi anche in prima fila; e le gare le conduci partendo indisturbato senza che nessuno ti possa impensierire, questo è vincere facile.

      E la gente stai tranquillo che se ne accorge che vinci facile e da lì ti giudica; aspettando di vederlo alla prova però, con situazioni più difficili e con macchine meno competitive…

      La gente poi vuole il riscontro capito??

      Lui cerca Newey??

      Fa bene, chi non lo farebbe, ma questo è lo scotto da pagare; gran perte del merito se lo prende lui “NEWEY” e quindi lui deve accettare ciò che pensa la gente un po’ più ferrata “e che si vede dai”, che vince di macchina, che se non fosse lui la prima guida ma Webber vincerebbe alla stessa maniera, che in situazioni difficili “macchina poco competitiva, lotta in pista, pista bagnata” paragonato a quando oarte dalla pole è veramente poca cosa…

      Che poi detrattori di Vettel…

      Io ho visto questo, fino ad ora e a quanto pare tantissimi altri, tantissimi altri più competenti di me!!

      • Dariok

        23 novembre 2012 at 11:40

        prova a rileggere, la gavetta Vettel l’ha già fatta, io chiedevo altro, non puoi rispondere senza quest’odio verso Vettel? evidentemente no, basta col solito mantra!

      • GianniC

        23 novembre 2012 at 11:55

        @ f1erally

        Gli ipocriti sanno solo dire:

        “il più giovane tricampione”

        “ha vinto a monza nel 2008”

        “schumacher 7 volte campione”

        Tringerando il tutto dietro a dei numeri a dir poco freddi;

        Dicasi:
        ELUDENDO SFACCIATAMENTE L’ONESTA’ INTELLETTUALE!!!!!
        o quantomeno quel minimo di analisi (reale ed approfondita) che andrebbe fatta per onorare il rispetto della trasparenza e della serietà!!

        La cosa più triste è che oggi i Troll c’è li ritroviamo anche fra i sessantenni!!

      • GianniC

        23 novembre 2012 at 11:58

        Vettel ha fatto la gavetta? si certo! Quella del “pisello”!!!!

        Nelle categorie minori ha preso paga anche dal compagno, un certo Di Resta!!

        E tutto questo ……, nonostante il suo mentore Marko pagava i Team Manager per rallentare i compagni del suo assistito (Vettel)

      • Dariok

        23 novembre 2012 at 13:33

        comunque vai sul dizionario e studiati il significato di ipocrita, e se vuoi poi anche quello di ignorante. Perché devi offendere chi non la pesa come te? non si può mantenere un tono civile anche se nascosti dietro una tastiera?

  10. amico di frederick

    23 novembre 2012 at 10:14

    Dai Vettel hai ragione tu ma ha anche ragione chi dice che se tu non avevi la RB non vincevi molto. Al momento a mio parere questa e’ la classifica dei piloti odierini di F1 migliori col punteggio:

    Hamilton 80
    Alonso 75
    Kimi 70
    Schumi 70
    Rosberg 60
    Vettel 60
    Button 60
    perez 60
    Maldonado 60
    webber 50
    Massa 40

    Massa e’ un ? perche’ adesso che ha la macchina uguale ad Alonso va piu’ di lui bisogna aspettare ancora preima di crocifiggerlo o salvarlo

    • anonima tifosa vettel

      23 novembre 2012 at 12:27

      hamilton? Ma mi sai dire quante gare a vinto per ogni stagione dopo l’unico titolo che ha vinto? 2009 2010 2011 2012 Ma per favore,per ora Hamilton ha solo fama ma i risultati sono deludenti..

      • Ele (mclaren)

        23 novembre 2012 at 15:03

        ..Hamilton ha già dimostrato molto in pista..se poi uno si ostina a non volerlo vedere non so cosa dire..

        La sua bravura è stata oscurata da “leggerezze” dell’anno scorso e tante sfortune (affidabilità della macchina, pit-stop a rallentatore..ecc.)che non gli hanno permesso di raccogliere quanto ha seminato…
        Chi sa trovare nelle sue azioni, nel suo modo di guidare qualcosa di magico e unico, penso che abbia un’idea obbiettiva di cosa è la F1 e sappia riconoscere chi è bravo e chi no..

      • Max

        23 novembre 2012 at 15:35

        …Ele hai risposto all’anonima non hai risposto alla domanda perche’? Quante gare ha vinto Hamilton nelle stagioni scritte dalla tifosa Vettel ? Sara’bravo,ma i risultati non sono all altezza della fama,tutto fumo niente arrosto..

      • Ele (mclaren)

        23 novembre 2012 at 17:16

        ..so che ha raccolto poche vittoria ma pultroppo la macchina non è sempre stata competitiva al 100%..sotto gli occhi abbiamo Vettel che è tre anni che ha una macchina sempre ad alti livelli..
        dico questo e poi chiudo…Hamilton sa sempre far emozionare la gente quando guida ..Vettel finora mi ha emozionato ben poco…quindi secondo voi gente come Williams, Zanardi sono tutti fumati quando dicono che Lewis è qualcosa di magico…
        Il fatto che Hamilton abbia così tanti tifosi non è a caso..

  11. jack74

    23 novembre 2012 at 10:48

    la rb truffa palesemente senno’ non avrebbe vinto nemmeno una delle gare vinte da quando corre con loro e la fia sta a guardare , questi si sento legittimati a fare come gli pare tanto se vengono scoperti non gli viene fatto nulla , se ci fosse giustizia gli andrebbero tolti tutti i titoli vinti , sia piloti che costruttori , se fossi un pilota gli farei causa per danni…………..

  12. Emanuele

    23 novembre 2012 at 12:22

    Vettel è un prodigio si è meritato tutti i titoli che ha vinto, e tutti i record che ha stabilito, io considero solo hamilton suo pari.
    Alonso, button, webber, raikonen sono un gradino sotto come talento.
    Poi voi ferraristi sfegatati mancate di obiettività, mi ricordo quando raikonen era il fenomeno e alonso uno spione brocco, poi appena arrivato in ferrari è diventato il dio del volante.

    • anonima tifosa vettel

      23 novembre 2012 at 12:28

      QUOTONEEEEE

    • Dariok

      23 novembre 2012 at 12:59

      io sono ferrarista ma ho tenuto gli occhi su Vettel e l’ho ammirato da quando ha fatto il primo venerdì con la bmw (e col miglior tempo), così come Kimi mi aveva già conquistato con la Sauber ed il Kaiser alle prime qualifiche con la Jordan. Purtroppo molti tifosi, soprattutto in questo luogo,considerano l’avversario un nemico e basta (salvo poi divinizzare il pilota quando approda nella squadra del cuore), invece di godersi le battaglie in pista.

      • f1erally

        23 novembre 2012 at 14:52

        Sicuro che non sei strabico??
        ihihihihihih………..

      • Dariok

        23 novembre 2012 at 17:55

        battutona a parte quando guardo un gran premio apprezzo la bella guida ed i bei sorpassi anche se a danno della squadra che tifo, perchè non provi a rilassarti e goderti questo bellissimo sport?

  13. El

    23 novembre 2012 at 14:12

    Seb mi piace un sacco e credo proprio che dovrà fare tanta strada. Un giorno inevitabilmente approderà in Ferrari, a mio parere.
    Per arrivare alla RB avrà dovuto avere qualche capacità, o no?? E’ giovane e deve imparare tanto, ma dimostrerà altrettanto.
    Sintesi: voglio vederlo su un Ferrari, per vedere se ciò che penso di lui sia vero.

    • Max

      23 novembre 2012 at 15:37

      E’ la stessa cosa che voglio io.lo voglio in ROSSOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  14. frederick RB

    23 novembre 2012 at 14:26

    Wow

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati