Un finale di campionato mesto per la Renault ad Abu Dhabi

A Yas Marina Kevin Magnussen ritirato, soltanto diciassettesimo Jolyon Palmer

Un finale di campionato mesto per la Renault ad Abu Dhabi

Si è chiuso come peggio non poteva il mondiale della rientrante Renault ad Abu Dhabi. La squadra ufficiale del costruttore francese non è andata oltre il diciassettesimo posto conquistato con Jolyon Palmer, mentre Kevin Magnussen è stato costretto al ritiro dopo aver danneggiato la sospensione. Palmer è stato anche frenato dalla penalità subita per aver speronato in frenata Carlos Sainz.

Kevin Magnussen: “Sono partito male ed ero in lotta con Kvyat alla curva otto quando mi sono toccato con un’altra vettura, credo una Sauber o una Manor, danneggiando così in modo irreparabile la sospensione. Purtroppo è stato impossibile continuare, non era questo il modo in cui volevo finire quella che reputo comunque una buona stagione. Ho conosciuto un bel gruppo di persone, ho imparato molto, auguro davvero tutto il meglio possibile per il futuro”

Jolyon Palmer: Ho avuto una buona partenza, salendo fino all’undicesimo posto, e tenevo il passo delle Williams ma purtroppo il degrado delle gomme è stato molto elevato per noi e la cosa ci ha frenato. Il ritmo era buono, ma ci siamo dovuti fermare tre volte. Ho provato a passare Sainz ma lui ha frenato un po’ presto e non ho avuto tempo di rallentare, mi dispiace averlo preso in pieno”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

F1 | GP Ungheria, le nostre pagelleF1 | GP Ungheria, le nostre pagelle
News F1

F1 | GP Ungheria, le nostre pagelle

Piastri glaciale, Hamilton dà lezioni di F1, Leclerc c'è
Oscar Piastri 10 Al secondo anno in massima categoria ecco la prima vittoria del giovanissimo talento australiano. Al pronti via