Red Bull smentisce il ritorno ai motori Ferrari

Confermata la collaborazione con Renault fino alla fine del 2016

Red Bull smentisce il ritorno ai motori Ferrari

Dietrich Mateschitz ha smentito le voci di un possibile nuovo accordo tra Red Bull e Ferrari per la fornitura di motori in Formula 1. “Non c’è nulla di vero in queste voci” ha dichiarato l’austriaco al Red Bull Ring.

Le voci erano partite da un commento di Helmut Marko: “Anche una versione B della power unit Ferrari sarebbe meglio della versione A della Renault”.

Il proprietario di Red Bull Racing e Toro Rosso ha però precisato: “Non c’è alcuna alternativa alla Renault fino alla fine del 2016. Non posso indovinare quello che accadrà tra due o tre anni in Formula 1, ma neanche ora. E’ meglio non fare previsioni in F1” ha aggiunto Mateschitz, il quale dubita comunque che passare dallo status di team di riferimento della Renault a team cliente della Ferrari possa portare reali benefici.

“Si può avere dalla concorrenza un motore sufficientemente buono per raccogliere punti ma non sarà mai competitivo abbastanza per battere il team che ti fornisce quel motore. Con un motore cliente, non sarai mai campione del mondo. E se vedremo che non avremo più chances, perchè già siamo limitati dal punto di vista dell’aerodinamica, perderemo semplicemente interesse”.

“Speriamo ancora nei miglioramenti della Renault. La speranza è l’ultima a morire” ha aggiunto. Un motore realizzato in proprio dalla Red Bull non è un’alternativa: “Non siamo un motorista. Di sicuro, un giorno potremmo costruire un nostro motore, se non ci saranno alternative ragionevoli. Ma sarebbe contrario al buon senso”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati