Philippe Bianchi: “Prego che Schumacher possa riprendersi”

Il papà di Jules ha ricordato il campione tedesco di cui si è tornato a parlare negli ultimi giorni

Philippe Bianchi: “Prego che Schumacher possa riprendersi”

Nei giorni scorsi il Daily Express ha diffuso notizie su Schumacher per la verità neppure tanto inedite visto che dell’importante perdita di peso del campione si era già detto parecchi mesi fa.

Ad ogni modo questo poco è bastato per far tornare vivo il nome del Kaiser di Kerpen, in coma dal 29 dicembre 2013 a seguito di un incidente sulle nevi di Meribel, a proposito di cui con delicatezza si è espresso pure il padre del compianto Jules Bianchi Philippe .

“Il suo dramma è simile al nostro, ma non sapendo nulla di più di quanto presente sui media preferisco non sbilanciarmi in commenti – ha affermato – Quello che invece posso dire è che la famiglia non deve mollare. Se Michael è ancora qui significa che sta lottando e che c’è speranza. E’ il più grande campione che la F1 abbia avuto e ricordo che mio figlio era rimasto davvero colpito dell’accaduto. Ora quindi prego e mi auguro di cuore che possa uscire da questa situazione”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. lucaraikkonen

    24 Settembre 2015 at 20:18

    È triste vedere che solo il padre di jules si ricorda di menzionare michael, e nemmeno un cenno dalla Ferrari nelle loro 3 vittorie.. Michael era un simbolo per la Ferrari, ed è tornato alla mercedes solo per poter correre da titolare in quelle tre stagioni. Vedere keepfightingmichael sulle frecce d’argento e nulla sulla rossa mi è dispiaciuto..

  2. schumy2

    schumy2

    25 Settembre 2015 at 09:33

    La Ferrari ha dei nuovi uomini e non voglio sapere perché non lo ricordano. Però caro lucaraikkonen ti posso dire che ci siamo noi tifosi ad averlo sempre nel cuore, perché avremo negli occhi per sempre le sue vittorie. FORZA CAMPIONE

  3. reaper

    25 Settembre 2015 at 20:03

    Schumacher non è più in coma, tanto per la cronaca.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati