McLaren, Dennis: “Il prossimo anno in lotta per la vittoria”

Il britannico crede che con gli aggiornamenti si possa puntare in alto

McLaren, Dennis: “Il prossimo anno in lotta per la vittoria”

Sin dal suo ritorno in Formula 1 nel 2014, il binomio McLaren-Honda ha vissuto momenti di grande difficoltà, con tanti problemi di affidabilità e prestazione.

I progressi rispetto all’anno scorso, soprattutto da parte del motorista nipponico, sono evidenti, permettendo alla McLaren di essere maggiormente competitiva raggiungere la zona punti con più facilità.

Ovviamente, però, l’obiettivo del team inglese non è quello di arrivare alla zona punti, ma di vincere gare e conquistare entrambi i titoli mondiali: non a caso, infatti, in McLaren ci sono due campioni del calibro di Jenson Button e Fernando Alonso. Ron Dennis, una delle figure più importanti della scuderia di Woking, crede che tutti gli sforzi di questi due anni saranno ripagati, in quanto questo è un progetto che, sin dall’inizio, sarebbe stato in continuo sviluppo per tre anni: “La macchina è stata basata su un progetto triennale. Non siamo dove vorremmo essere, ma siamo in una buona posizione per fare un buon motore la prossima stagione”.

Con il cambio di regolamento previsto per la prossima stagione, dove l’aerodinamica avrà un ruolo maggiore, la McLaren spera di sopperire alle mancanze tecniche riguardanti il lato motore, sfruttando le abilità dei propri ingegneri per riuscire a creare una vettura aerodinamicamente molto efficiente. Una cosa simile a quanto fatto dalla Red Bull dove con macchina molto competitiva a livello aerodinamico e di telaio, si è riusciti a sopperire in parte al deficit della Power Unit Renault rispetto a quelle di Ferrari e Mercedes. L’obiettivo, quindi, non è solamente fare la comparsa, ma riuscire a vincere: “Abbiamo imparato molto quest’anno, quindi spero che la prossima stagione potremo lottare per vincere” ha poi concluso Ron Dennis.

Gianluca D’Alessandro

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

4 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati