Lotus 79 “The Black Beauty”

Lotus 79 “The Black Beauty”

Il progetto della Lotus 79 era stato studiato nei minimi dettagli per sbaragliare la concorrenza. Il team di Colin Chapman aveva, dopotutto, un bisogno disperato di risollevarsi dopo più di una annata andata persa in progetti deludenti. Tuttavia già con il progetto numero 78 si era capito che stava per cambiare il vento, e qualche vittoria arrivò già nel 1977.

Andretti nei momenti più bui della scuderia inglese aveva suggerito, al momento di trovare nuovi spunti, di guardare ad una vettura che sembrasse un profilo alare rovesciato, e rigorosamente molto bassa. I progettisti della Lotus, Peter Wright, Martin Ogilvie, Geoff Aldridge, Tony Rudd e ovviamente Colin Chapman sfruttarono questa idea creando una vettura che grazie a leggi fisiche potesse fare un’enorme differenza.

Non vi furono scoperte eclatanti nel mondo della fisica, ma solo un’applicazione del tutto innovativa di un principio già noto nel 1700. L’effetto Venturi. Questo principio deriva dal teorema di Bernoulli il quale dice che, in un tubo di flusso percorso da un fluido, a parità di portata, si ha una minore pressione e una maggiore velocità in zone di sezione minore. Semplifichiamo tenendo presente l’utilizzo che ne è stato fatto in Formula 1.

L’obiettivo dei costruttori Lotus – e di tutti i costruttori di auto in generale – era quello di tenere il più possibile attaccata al suolo la vettura, permettendole così di percorrere le curve con una velocità maggiore, evitando il sottosterzo. L’effetto di deportanza, che è l’opposto di quello che fa volare gli aeroplani si può facilmente ottenere su una vettura da competizione modificando la pressione dell’aria che passa attorno alla monoposto.

Quando la vettura è ferma, essa è soggetta alla stessa pressione sia al di sopra di essa, che al di sotto, ed è la normale pressione atmosferica. Quando però la vettura si muove nell’aria la situazione è diversa, e per comodità possiamo immaginare che sia l’aria a muoversi attorno alla vettura, proprio come avviene in galleria del vento.

Ora, per ottenere deportanza, per schiacciare la vettura al suolo, bisogna fare in modo che la pressione dell’aria al di sopra della vettura sia maggiore di quella al di sotto. Essendo impossibile andare ad agire sull’aria al di sopra della vettura (la quale presenta una sezione infinita dato che vi è l’intera atmosfera al di sopra della macchina) bisogna fare in modo che l’aria che passa al di sotto della vettura abbia una pressione minore di quella di regime (pressione atmosferica). Come? Modificandone la velocità

I tecnici della Lotus, nel progetto 79, riuscirono ad incanalare in un tubo di flusso praticamente chiuso grazie all’utilizzo delle minigonne laterali, una determinata quantità di aria X, che poi veniva accelerata grazie ad una strozzatura del tubo verso il suolo, andando così a generare una bassa pressione che teneva letteralmente incollata la macchina all’asfalto. Avevano creato a modo loro dei condotti di Venturi. Per avere la massima efficienza i progettisti della Lotus dovettero rivedere le sospensioni posteriori, gli scarichi e tutta la struttura del telaio per renderlo più rigido.

La vettura montava un Ford Cosworth Dfv di 8 cilindri a V 90°, di 2997 cm cubi, aspirato, che poteva erogare circa 480 Cv. Nei test svolti da Ronnie Peterson emerse un aumento della deportanza di ben 30% rispetto al modello precedente, e dai feedback forniti dal pilota svedese, la Lotus poté sistemare quasi del tutto la vettura che sembrava essere una vera machina da guerra.

Una vera bomba, e oltretutto di una bellezza singolare, con la livrea nero ed oro della John Player Special. Bella ma molto fragile, come dimostrano i numerosi ritiri: ben quattro per Andretti e due per Peterson. Il principale problema era il surriscaldamento dei freni posteriori, che dopo metà gara costringevano i piloti a rallentare e a doversi difendere, sebbene il più delle volte dovessero solamente gestire l’incredibile vantaggio accumulato nei primi giri.

«C’erano dei problemi col nuovo cambio che trasmetteva puntualmente troppo calore ai freni posteriori e da metà corsa in poi perdevamo potere frenante nel retrotreno. Il rimedio era più tattico che tecnico… si trattava di partire a razzo, fare il vuoto e andare in fuga perché nella seconda parte della corsa presumibilmente ci saremmo dovuti difendere. Questo era il punto debole della 79, al quale si sommava il difetto tipico di quel genio che fu Colin Chapman. Era un integralista, uno che ti dava una macchina fantastica ma poi accettava il dialogo e l’interscambio tecnico col pilota fino a un certo punto. Fino al Gp di Monza, il giorno dell’incidente di Ronnie, continuai a dirgli che da metà corsa in poi correvamo coi dischi bolliti, ma lui niente. Esaminava l’impiantistica con calma solo nel dopo corsa, quando le temperature si erano già abbassate e tutto era tornato a funzionare normalmente».

In totale la Lotus 79 ottenne 6 vittorie, 10 pole position e 5 giri veloci, 11 podi e ben 4 doppiette. Mario Andretti conquistò facilmente il titolo mondiale piloti, e la Lotus riuscì a piazzare i suoi piloti nei primi due posti della classifica vincendo il campionato costruttori. La soluzione della 79 fu subito copiata dagli altri team, in particolare dalla Brabham con la 46B, e l’anno successivo già la Lotus 79 non era più all’altezza delle concorrenti.

Ad ogni modo rimane indelebile nel cuore degli appassionati quella splendida e ingegnosa vettura dal soprannome di “Balck Beauty”.

Matteo Bramati.

Lotus 79 “The Black Beauty”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Amarcord

Lascia un commento

7 commenti
  1. Federico Barone

    13 gennaio 2016 at 22:49

    Un solo appunto, piccolo piccolo:

    la Brabham BT 46B fu quella famosa con il ventilatore (vittoria di Lauda ad Anderstorp, Svezia). L’obiettivo era lo stesso (aumentare la depressione sotto la vettura) ma fu ottenuto meccanicamente, tramite ventola gigante e non aerodinamicamente – sarebbe stato impossibile farlo, con motore boxer e telaio largo e doppio serbatoio laterale.

    Le vere eredi della Lotus 79 e subito migliori della vettura di Chapman arrivarono negli anni successivi:

    prima la Ligier JS11 che successivamente fu superata dalla Williams FW07 e dalla Brabham BT49. Nel 1980 poi la FW07B e la BT49B.

    Secondo me la migliore wing car in assoluto (però con minigonne fisse, non mobili) fu la Williams FW08 del 1982.

    Se vi sono imprecisioni, fatemelo notare… 🙂

    Per il resto: onore ad una vettura rivoluzionaria ed ai suoi ideatoi. Resta purtroppo la tristezza per la scomparsa di Ronnie Peterson a Monza, nel 1978. 🙁

    • albitv

      17 gennaio 2016 at 09:32

      …..alla guida della forse più fragile Lotus 78….

      • Federico Barone

        17 gennaio 2016 at 18:52

        Grazie. Un dettaglio importante, che non ricordavo più.

  2. Federico Barone

    14 gennaio 2016 at 12:31

    Qualcuno sa spiegarmi perchè i rollbar delle 2 Lotus nell’immagine qui sopra sono così differenti? Uno basso e largo e l’altro stretto e più alto: solo perchè Mario era più piccolo? O vi sono altri motivi tecnici…

    • un meccanico della dacia Logan e Duster

      15 gennaio 2016 at 02:19

      Ciao Federico ,Guardando le foto puo trattarsi di un illusione ottica, Ronnie aveva un parasole sulla visiera e si vede é un po chino in avanti. il casco di Mario é piu rivolto verso l’alto. Ma posso sbagliarmi

      • Federico Barone

        15 gennaio 2016 at 10:57

        Ma l’arco di curvatura all’estremità superiore dei rollbar è evidentemente differente. maggiore nella Lotus Nr. 5 che nella Nr. 6. Mah?!?

  3. albitv

    17 gennaio 2016 at 09:14

    Hai ragione Federico! Non me n’ero mai accorto!! Io credo che la differente forma fosse imputabile solo alla diversa altezza dei due piloti, molto più alto Ronnie….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati