La Mclaren potrebbe scegliere le sospensioni pull-rod per il 2013

La Mclaren potrebbe scegliere le sospensioni pull-rod per il 2013

La Mclaren potrebbe scegliere le sospensioni pull-rod per la sua vettura 2013 di Formula 1, scelta già fatta dalla Ferrari in questa stagione.

Un mese fa, il giornale Marca aveva riportato l’indiscrezione che l’MP4-28 avrebbe montato le sospensioni pull-rod.

Questa configurazione fino al 2012 era stata utilizzata solo dalla Minardi (ai tempi di Fernando Alonso ndr) più di un decennio fa.

Come molti potranno ricordare l’inizio di stagione per la Ferrari è stato molto faticoso, ma l’eccezionale recupero della scuderia di Maranello ha incuriosito il direttore tecnico della Mclaren, Paddy Lowe.

“E’ evidente come sin dai test invernali eravamo un pò indietro rispetto ai nostri rivali” ha dichiarato qualche giorno fa il direttore tecnico della Ferrari Pat Fry.

“Abbiamo imparato molte cose in questo periodo e ci torneranno utili per il futuro. Secondo la mia opinione abbiamo superato molti team in termini di sviluppo — abbiamo avuto un ottimo recupero ma c’è ancora molto da fare” ha aggiunto l’ex Mclaren.

Anche altri quotidiani hanno riportato l’indiscrezione che la Mclaren vuole adottare questa configurazione, ed hanno aggiunto che probabilmente la Ferrari terrà le pull-rod anche per la vettura del 2013.

Stefano Rifici

La Mclaren potrebbe scegliere le sospensioni pull-rod per il 2013
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

10 commenti
  1. Bouc

    8 agosto 2012 at 14:32

    Mitttica Minardi.. era avanti pur con mezzi ridicoli..

    prima con le sosp pull-rod
    prima col cambio misto in fusione titanio e carbonio (mi pare fosse titanio)
    prima con le ciminiere sulle pance…

    Peccato che ormai dagli ultimi 10/15 in F1 vinca chi semplicemente spende di più… (Toyota esclusa)

    • Bouc

      8 agosto 2012 at 14:34

      “ormai dagli ultimi 10/15″… erano anni 😉

    • Federico Barone

      9 agosto 2012 at 21:25

      Prima con le sospensioni pull rod?

      Ti sbagli, è stata l’ultima ad abbandonarle, per passare alle push rod

    • Max Bassanet

      12 agosto 2012 at 12:51

      riguardo alle ciminiere ho molti dubbi che sia stata la minardi a montarle per prima.

  2. jack74

    8 agosto 2012 at 18:15

    qualcuno che spiega il vantaggio del pull-rod ???

  3. Giovanni

    8 agosto 2012 at 18:26

    semplicemente che più aria pulita va al diffusore; ma in f1 ogni soluzione ha i suoi pro e i sui contro.

  4. Lyon66

    8 agosto 2012 at 19:45

    Buon segno se qualcuno copia, vuol dire che il progetto è buono.
    In teoria la Ferrari è avvantaggiata rispetto a McLaren e RedBull: loro spremono una vettura a fine evoluzione per il progetto, noi partiamo da un progetto nuovo con continue possibilità d’ evoluzione.
    Forza Ferrari, torna a farci sognare.

    P.s.: quoto Bouc e mi spiace che non ci sia più Minardi in F1 (Minardi, non Toro Rosso)

    • Rezz

      9 agosto 2012 at 14:07

      Non posso che quotare Bouc anch’io, adoravo la Minardi, anche se la prima Toro Rosso non mi dispiaceva.
      Sono d’accordo anche con il fatto che qualcuno copi è un’ottima notizia, finalmente la Ferrari ricomincia a fare strada anziché rincorrere le idee altrui. In ottica 2013 la Ferrari dovrebbe essere messa bene, dato che proseguirà lo sviluppo di un progetto vincente, mentre RB e (soprattutto) McLaren dovranno scegliere se partire con un nuovo progetto senza possibilità di sviluppo successivo (visto il cambio radicale previsto per il 2014) o spremere ulteriormente un progetto che sembra ormai essere agli sgoccioli.
      La vera incognita per il 2013 dovrebbe essere la Lotus. Se sviluppano bene la macchina e Raikkonen rimane con loro saranno dei seri contendenti al titolo.

  5. preoccupante

    9 agosto 2012 at 13:47

    Anche un baricentro più basso per via di alcuni elementi spostati nella parte inferiore del telaio, tiranti più leggeri dei puntoni perché non rischiano di andare in instabilità. Altri che ora non mi vengono…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati