I piloti bocciano la “Slow Zone”. Si torna a parlare di “Virtual Safety Car”

Si cercheranno altre soluzioni per la gestione dei regimi di bandiera gialla

I piloti bocciano la “Slow Zone”. Si torna a parlare di “Virtual Safety Car”

La Federazione Internazionale, dopo un’attenta analisi portata avanti nella serata di ieri, ha deciso di bocciare la “Slow Zone” in caso di regime di bandiera gialla. Secondo quanto riportato da Adam Cooper, i piloti si sarebbero lamentati della pericolosità di questa soluzione, preferendo un ritorno alla “Virtual Safey Car” testata durante le libere in Texas e in Brasile.

La “Slow Zone”, fissata con il pit limiter ad 80 km/h, esporrebbe i piloti al rischio di bloccaggio e variazione improvvisa di velocità in pieno tracciato, fattore ritenuto abbastanza pericoloso, soprattutto durante un regime di bandiera gialla.

La FIA ha quindi deciso di bocciare questa idea, affermando che si cercherà di lavorare più sulla Virtual Safety Car e sulla regolazione della velocità durante tutto il giro e non in un singolo settore.

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. grippato

    22 Novembre 2014 at 20:23

    L’idea era ottima, l’applicazione pessima come al solito.
    Già meglio di idea pessima e applicazione ancor peggio.

  2. Raphael

    23 Novembre 2014 at 02:46

    Virtual Safety Car? Cos’è un videogame?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati