Hamilton: “Nulla di buono da queste gomme”

Ancora critico con Pirelli l'inglese

Hamilton: “Nulla di buono da queste gomme”

Lewis Hamilton ha criticato di nuovo le gomme Pirelli dopo che in gara non è riuscito a capitalizzare la pole position al GP Germania. Il pilota della Mercedes è sceso dalla prima alla terza posizione alla prima curva dopo un brutta partenza e ha chiuso alla fine al quinto posto, a quasi 27 secondi dal vincitore Sebastian Vettel.

Hamilton è rimasto sorpreso dalla mancanza di passo della Mercedes rispetto a Red Bull, Lotus e Ferrari: “Devo trattenermi, niente di buono da dire di queste gomme” ha dichiarato Hamilton. “Non capisco perchè abbiamo faticato così tanto con esse, ma queste sono le corse. L’unica cosa positiva è che abbiamo raccolto qualche punto. E’ un peccato perchè il team sta lavorando così duramente e sta facendo un ottimo lavoro. Chiaramente abbiamo una buona vettura ma per qualche ragione non funziona con queste gomme”.

Secondo Hamilton non sarà di aiuto l’assenza della Mercedes ai prossimi test per giovani piloti dopo esserne stata estromessa come sanzione per aver utilizzato una vettura 2013 in un test con Pirelli in Spagna a maggio.

“Mancare il test non sarà d’aiuto, ma è andata così. Dobbiamo solo continuare a spingere, sperare e pregare che questa nuova serie di gomme funzioni sulla nostra vettura”.

Nico Rosberg – Pos 9: “La macchina non era molto buona da guidare oggi. Abbiamo faticato molto con le gomme posteriori ed è per questo che non siamo riusciti a tenere il passo dei ragazzi davanti. Quindi, mi sono divertito un po’ quando ho cambiato le gomme option e davvero sono riuscito a spingere e almeno a segnare alcuni punti. Ma abbiamo bisogno di capire le nuove gomme un po’ di più perché sembra che la nuova costruzione abbia mescolato un po’ le carte, soprattutto in queste condizioni. Dobbiamo fare un sacco di lavoro nelle prossime settimane per assicurarci di arrivare in Ungheria in buona forma. ”

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

10 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati