GP Italia a Monza: Tutto pronto per la firma sul rinnovo triennale

Angelo Sticchi Damiani, presidente di ACI: "E' stato importante creare le condizioni sul territorio, grazie a Sias e AC Milano. Siamo a due passi, spero si possa concludere questo weekend"

GP Italia a Monza: Tutto pronto per la firma sul rinnovo triennale

Si è parlato di Monza, dell’importanza del territorio e di passione per la F1, nel corso della conferenza stampa organizzata mercoledì mattina presso la sala stampa “Tazio Nuvolari” dell’Autodromo Nazionale Monza, dove i rappresentanti dell’Automobile Club e quelli dell’Autodromo hanno presentato il Gran Premio Heineken d’Italia 2016, che prenderà il via venerdì sulla pista brianzola. Occhi e orecchi ovviamente puntati sul rinnovo dell’evento, che dopo lunghe e controverse trattative attende ormai soltanto la firma delle parti interessate. Nel corso della mattinata il primo a prendere la parola è stato Ivan Capelli, presidente dell’Automobile Club Milano, che ha subito sottolineato l’importanza dell’interazione con gli Enti locali per giungere a un risultato scaturito da quasi due anni di lavoro. L’ex pilota di Formula 1 ha quindi presentato gli aspetti logistici in vista del weekend di gara, parlando dell’innalzamento delle misure di sicurezza e di nuove procedure di controllo attraverso metal detector. Prima di passare la parola al presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani, ha inoltre espresso il desiderio (comune) di vedere di nuovo in Formula1 un pilota italiano, ricordando che quest’anno si festeggiano i 50 anni – 4 settembre 1966 – dall’unica vittoria tricolore al Gran Premio di Italia, conquistata da Ludovico Scarfiotti su Ferrari: “Ricordo quando eravamo in tredici piloti a correre in F1 e l’italiano era la lingua più parlata nel paddock. In futuro speriamo che oltre ai tanti tifosi ci siano degli italiani protagonisti anche dietro al volante”.

Il presidente di Sias Piero Lorenzo Zanchi ha voluto sottolineare il grandissimo lavoro svolto per organizzare l’ultima edizione (del contratto attuale) del GP, aggiungendo: “Siamo pronti per continuare a essere sede del Gran Premio di Italia e ospitare anche tante altre manifestazioni che non sono mancate negli ultimi anni: WTCC, campionato Prototipi e il progetto delle due ruote che ci sta a cuore, anche se ci saranno diversi ostacoli da superare”. Nella lista dei ringraziamenti anche un occhio di riguardo per lo sponsor Heineken, che insieme a Messico e Canada ha scelto l’Italia. “È un grande onore per noi”. Un pensiero anche a Bernie Ecclestone “per la sua pazienza, anche se non lo conosco”. “Ma il grazie più grande va a questo autodromo, il nostro grandissimo tempio della velocità”, ha concluso.

Il presidente dell’Automobile Club d’ItaliaAngelo Sticchi Damiani, per prima cosa ha parlato di “GP della solidarietà”, comunicando che la consueta cena di gala sarà quest’anno un charity dinner, per dare un supporto significativo in risposta alla tragedia del terremoto. Quindi si è concentrato sulla questione del rinnovo, che dovrebbe vedere la luce, si augurano gli interessati, proprio nel corso del weekend di gara. “Nel 2015 le trattative sono giunte a una svolta grazie alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e del presidente del CONI Giovanni Malagò. In questi anni Sias e AC Milano hanno potuto fare la loro parte e organizzare questo evento poiché era alla loro portata; ora si tratta di aumentare di 17 milioni di dollari: una cifra enorme, non avremmo potuto farcela da soli. Siamo stati innanzitutto autorizzati dal Parlamento grazie alla legge di stabilità per utilizzare tutte le nostre risorse e firmare questo contratto. È stato importante creare le condizioni sul territorio. Oggi a questo tavolo siedono le persone rappresentati degli Enti che hanno fortemente voluto e contribuito in maniera concreta e seria al rinnovo”, ha sottolineato Sticchi Damiani, tenendo a precisare che i soldi non sono quelli dello Stato.

“È nato un gruppo forte unito dalla passione, per Monza, per questo GP, per la sua storia e per quella di questo Autodromo. Non si poteva accettare di perdere questo Gran Premio”. E la firma? “La trattativa è stata complessa, non soltanto per gli aspetti economici. Aci doveva firmare il contratto. Ci siamo dovuti qualificare come clienti con la FOM, un’operazione lunghissima, ci abbiamo messo due mesi. Siamo a due passi. Tutti vogliamo che sia questo weekend, quindi sono più che speranzoso che si possa concludere nell’arco dei tre giorni del GP, anche perché mi sembra sia il luogo e il momento giusto, con le persone giuste”.

Il sindaco di Monza Roberto Scanagatti ha voluto aggiungere: “Per il rinnovo del GP a Monza tutti i soggetti istituzionali coinvolti hanno svolto un ottimo lavoro di squadra che spero possa premiare tra pochi giorni gli sforzi compiuti durante l’ultimo anno: dal Governo Renzi al Parlamento all’Automobile Club d’Italia e di Milano, da Regione Lombardia al Consorzio Villa Reale e Parco e ai Comuni di Monza e Milano. Sono molto soddisfatto perché non dobbiamo mai dimenticare che il GP d’Italia e l’Autodromo Nazionale sono un valore sportivo ma anche economico non solo per Monza e il territorio ma per tutto il Paese. Durante questa lunga e difficile trattativa non è mai venuto meno il sostegno di tutto il mondo sportivo che riconosce come inscindibile il GP di Formula 1 dall’Autodromo di Monza”.

Il presidente del CONI per la Regione Lombardia Oreste Perri, ha ribadito l’importanza di Monza in quanto “storia della F1, il luogo dove ogni pilota vuole gareggiare e vincere. Quando si vince qui, nessuno lo dimentica. Monza è un patrimonio nazionale, internazionale ma anche della Formula1. È quindi dovere di tutti portarlo avanti”.

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, “che al momento giusto ha dato la svolta necessaria e indispensabile” come ha ricordato il presidente di ACI, ha concluso la conferenza stampa con il suo intervento, ricambiando i ringraziamenti a Sticchi Damiani: “Senza di lui oggi non potremmo brindare a questo risultato; ci ha messo passione e intelligenza. Lui ci è riuscito con l’aiuto di tutti, è stato un gioco di squadra. Come Regione Lombardia noi abbiamo deciso di giocare un ruolo di sostegno concreto, mettendoci anche i soldi. Abbiamo deciso di investire 7milioni di euro per 10 anni nel parco di Monza, compreso l’Autodromo. Ci crediamo, ce l’abbiamo fatta oggi e speriamo che domenica anche la Ferrari possa dare il meglio di sé”, ha concluso con un augurio tutto italiano.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati