GP Malesia, Verstappen: “Abbiamo spinto dall’inizio alla fine ma ci siamo dovuti arrendere”

Il giovane olandese rimane critico nei confronti di Vettel

GP Malesia, Verstappen: “Abbiamo spinto dall’inizio alla fine ma ci siamo dovuti arrendere”

Max Verstappen a Sepang è andato veramente vicino a conquistare il suo secondo trionfo in carriera, grazie ad un ottimo passo gara e ad una strategia che sembrava averlo messo in lotta per la vittoria.

Il problema tecnico di Lewis Hamilton, però, ha rimescolato le carte, favorendo il compagno di squadra dell’olandese, Daniel Ricciardo, il quale proprio qualche giro prima aveva resisto agli attacchi di Verstappen: “Abbiamo spinto dall’inizio alla fine ma ci siamo dovuti arrendere” – ha commentato il giovane pilota della Red Bull -. “È stata dura, perché ho spinto al massimo per recuperare terreno dopo il tempo perso alla prima curva.  Non sono sorpreso della difesa di Ricciardo, stare in curva a quella velocità senza toccarsi, rappresenta un grande segnale di rispetto reciproco. La doppietta mi rende contento, è una grande sensazione, è bello per il team e abbiamo raccolto punti importanti per il campionato costruttori”.

Riguardo all’incidente alla prima curva, Verstappen non c’è andato per il leggero, definendo Vettel un “pazzo” alla radio. Secondo il pilota della Red Bull la situazione è comunque molto chiara: “È tutto molto chiaro, sono finalmente partito bene, ma Vettel ha frenato molto tardi all’interno. In questo modo è arrivato al bloccaggio e ha colpito Nico. Io ho dovuto evitare l’incidente perché stava venendo addosso anche a me e, andando all’esterno, ho perso molto tempo e posizioni” ha poi concluso l’olandese.

Gianluca D’Alessandro

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

18 commenti
  1. Daytona

    2 Ottobre 2016 at 17:15

    Se c’è uno che deve tapparsi la bocca nel giudicare il comportamento degli altri piloti, questo è proprio lui!
    Non difendo Vettel,ha sbagliato e lo ha riconosciuto,ma sentire un bamboccio come Max,che si permette ad ogni occasione di criticare i suoi colleghi quando lui rappresenta il pericolo pubblico n 1..è veramente troppo.
    La partenza è il momento più delicato della gara,negli ultimi gp lui le ha sbagliate tutte,causando,tra l’altro,il botto di Hulkenberg il gp scorso,oggi era lì nel gruppo”caldo” e gli è andata di nuovo bene,quando imparerà a star zitto e rispettare gli altri?
    E intanto le ha nuovamente prese da Ricciardo,il fenomeno.

  2. rossa27

    2 Ottobre 2016 at 17:47

    Condivido … se c’è un pilota che deve stare zitto e proprio lui ….che dire poi del sorpasso in regime di S.C. …. nessuna punizione ??

  3. max02

    2 Ottobre 2016 at 18:01

    Questa è la prova che chi lo aveva criticato fa cose peggiori di Max, Vettel il più piagnuccolone.

    • piciacia

      3 Ottobre 2016 at 11:54

      bhe dire che Vettel critica i colleghi è il colmo, insieme a Janson Button e Raikkonen è il piu onesto e corretto pilota della F1, se sbaglia lo ammette e addirittura quando Kwiat lo ha buttato fuori per ben due volte non ha minimamente inveito contro di lui, anzi ha detto che è un pilota con le Pa@@lle perche almeno lui gli è andato a parlare faccia a faccia e a spiegarsi. quindi non diciamo mink..Verstappen deve imparare il rispetto…

  4. BlackPanther

    2 Ottobre 2016 at 18:29

    Proprio vero che le travi negli occhi non si vedono. Comunque complimenti per aver superato Raikkonen in regime di VSC ed esserti fatto anche vedere da Perez mentre Whiting e i giudici stavano facendo la maschera di bellezza.
    E lui sarebbe il driver of the day…scandaloso. Anche se in partenza non ha colpe (almeno quello).

  5. Susan

    2 Ottobre 2016 at 18:36

    Il BRUTTO ANATROCCOLO nn perde occasione x dire qua qua qua qua qua qua

  6. Susan

    2 Ottobre 2016 at 18:41

    Io sto aspettando di godere come una matta quando vedro’ il muso del BRUTTO ANATROCCOLO spiaccicato addosso ad un muretto

    • oniram

      3 Ottobre 2016 at 01:43

      Nemmeno al più str0nzo dei piloti si augura di avere un incidente! E magari di lasciarci le penne, no? Vergognati.

  7. Susan

    2 Ottobre 2016 at 18:43

    E vero che il guercio e quell’ebete di horner hanno le emorroidi ?

  8. max02

    2 Ottobre 2016 at 21:29

    Max fa benissimo ad essere aggressivo, e ripeto quello che ha fatto oggi Vettel è peggio di quello che ha fatto sia kwyat che l entrata di Max a spa su kimi. Credo che qui ci siano molti ferraristi che non sopportano il disturbo dei piloti più validi, non è colpa vostra ma di chi sceglie i piloti e della Ferrari che non è in grado di rispondere al potenziale degli altri.

    • Jess

      3 Ottobre 2016 at 13:23

      corretto dire che la Ferrari non sa rispondere al potenziale altrui, lo si vede dai risultati in pista. dire che i piloti degli altri team sono più forti mi pare una forzatura. Raikkonen è un mastino, se lo metti su una Mercedes disintegra Rosberg, se lo metti su una Redbull se la gioca con Ricciardo senza problemi. Vettel…Dagli una mercedes e non lo vedi più dopo 3 curve, 2 dei 4 mondiali li ha vinti con una macchina che era la Mercedes di allora, ti serve altro per misurare il valore di un pilota?
      Alla Ferrari serve un progetto vincente, non piloti più veloci!

  9. terminator

    2 Ottobre 2016 at 21:40

    RICORDATEVI CHE QUEST’ANNO LO SPONSOR DELLA F1 E’ HEINEKEN, AZIENDA OLANDESE…2+2 FA QUATTRO…..

  10. Susan

    2 Ottobre 2016 at 22:17

    L’unico vero deficiente in F1 e il BRUTTO ANATROCCOLO pompato da quei due altrettanto deficenti compagni di merenda

  11. Magu

    3 Ottobre 2016 at 00:31

    Mi chiedo che gusto ci sia ad offendere crticare o addirittura sperare che abbia un incidente un pilota avversario…Verstappen non vi piace e vi stà antipatico..legittimo..Allora ignoratelo o pensate che continuare con le offese ad ogni notizia su di lui lo faccia andare più piano o lo faccia cambiare il suo modo di guidare?
    Mentre se qualcuno inveisce contro la Ferrari o su uno dei suoi piloti apriti cielo…mah

    • Jess

      3 Ottobre 2016 at 13:19

      Chi augura un incidente è un povero imbecille (chissà se censurano…). Queste sono persone che rischiano la vita anche per il nostro sollazzo, noi comodi in poltrona e loro a 300 km/h. Verstappen deve ancora crescere, come pilota, ma anche e soprattutto come uomo. è un ragazzino arrogante seduto su un missile, dovrebbe imparare ad avere rispetto per i colleghi anziani, ma non è andando contro un muro che si insegnano certe cose. Serve che perda i confronti in pista (come succede con Ricciardo, da quando l’australiano ha preso le misure sul compagno di squadra), sarebbe bello si trovasse a confrontarsi alla pari con Hamilton o Alonso, due che non si farebbero problemi a metterselo dietro senza pietà.

  12. max02

    3 Ottobre 2016 at 10:27

    Critiche ok cattiveria no.

  13. Jess

    3 Ottobre 2016 at 13:15

    è giovane, con tanto talento e pochi neuroni dedicati ad altro, se non alla guida. Quest anno ha fatto tante di quelle vaccate che dovrebbe solo stare zitto quando a sbagliare sono gli altri. La differenza tra lui e Vettel è che Seb quando sbaglia lo ammette, lui invece, protetto da una federazione comprata dalla Heineken, non si rende nemmeno conto che a volte i suoi comportamenti al limite sono pericolosi. Poi che faccia spettacolo è vero, uno così serve alla formula noia di questi anni, diamogli tempo per imparare a valorizzare il suo talento e vedrete che diventerà uno dei protagonisti della formula 1 futura.
    Per ora però resta un talento grezzo, messo troppo presto su una macchina troppo veloce. Ancora attendo il giorno in cui si troverà ruota a ruota con Hamilton o Alonso, gli potrebbero insegnare il concetto di RISPETTO!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati