Formula 1 | Rosberg lancia l’idea: “Due gare a week-end con senso alternato”

"Bisogna essere creativi in una situazione di questo tipo", ha affermato il tedesco

Rosberg ha inoltre parlato della situazione economica, evidenziando come la Formula 1 debba lavorare per salvare le squadre di media e bassa classifica
Formula 1 | Rosberg lancia l’idea: “Due gare a week-end con senso alternato”

Intervistato dal quotidiano Die Welt, Nico Rosberg ha analizzato le idee messe sul tavolo da Liberty Media per il ritorno alle gare nella seconda parte della stagione, sottolineando come l’ipotesi del doppio appuntamento a week-end con senso alternato abbia riscosso un notevole successo tra gli addetti ai lavori più “vicini” alla Formula 1.

L’idea, ricordiamo, riguarderebbe una doppia corsa a week-end, quindi sabato e domenica, con una delle due che verrebbe salta con il layout inverso del circuito. Un’idea interessante che scatterebbe già dall’Austria, ma che dovrà essere approvata dalla FIA, visto che molti circuiti non hanno l’omologazione per organizzare corse in senso inverso.

“Si può essere “creativi” e svolgere fine settimana con due diverse gare, magari correndo in senso alternato”, ha dichiarato Nico Rosberg. “Il fatto che possono essere svolte gare senza spettatori aiuta. La Formula 1 è nelle condizioni di fare sport con meno di 100 persone in autodromo. E’ un vantaggio che non va sottovalutato”.

Sulla questione economica ha aggiunto: “Formula 1 deve essere in grado di salvare tutte le squadre. L’addio di duo o tre squadre porterebbe a una rapida regressione della competizione. non ci sarebbero abbastanza team sulla griglia di partenza”.

“Molti ricavi andranno persi, ma allo stesso sono state implementate delle misure per risparmiare denaro”, ha proseguito. “Lo sviluppo è stato fermato e questo farà risparmiare un bel pò di soldi. FIA e Liberty si stanno muovendo nella giusta direzione”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Pingback: F1 | Rosberg non ha dubbi: “Prioritario ridurre i costi”

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati