Formula 1 | Palmer sui regolamenti 2021: “Aston Martin può essere una valida alternativa a Ferrari”

"Per il futuro esiste un'alternativa e una situazione del genere non può non essere considerata" ha aggiunto il CEO di Aston

Formula 1 | Palmer sui regolamenti 2021: “Aston Martin può essere una valida alternativa a Ferrari”

Aston Martin è pronta a prendere il posto di Ferrari se quest’ultima dovesse abbandonare il Circus della Formula Uno.

In un’intervista rilasciata alle colonne di F1 Racing, Andy Palmer ha parlato del possibile ingresso di Aston Martin come motorista, sottolineando come la possibilità sia viva e concreta, soprattutto dopo l’ultima partnership commerciale e tecnica con il team Red Bull.

Secondo Palmer, Aston Martin può vantare un mercato simile a quello di Ferrari, ragion per cui il marchio inglese potrebbe tranquillamente prendere il posto della Scuderia di Maranello se quest’ultima, non soddisfatta dei nuovi regolamenti tecnici, abbandonasse il Circus.

Liberty Media, ricordiamo, vuole introdurre delle normative molto più semplici con delle componenti standardizzate. Per quanto riguarda la motorizzazione, invece, l’intenzione sarebbe quella di confermare l’attuale architettura, ovvero dei V6 turbo ibridi, con la differenza che verrebbe rimosso il motore MGU-H collegato dalla turbina.

Ecco le parole di Andy Palmer, CEO di Aston Martin: “Liberty vuole dei nuovi motori per il 2021 e la loro idea è quella di portare avanti questo sport. Le squadre impegnate, però, non vogliono cambiare l’attuale configurazione delle power unit. Il problema è che oggi ci sono diverse parti interessate e non si tratta più di un confronto Ferrari vs FIA o Liberty Media. Mi viene in mente la Red Bull, quando un paio di stagioni fa rimase scoperta e dovette adattarsi con le power unit”.

“Oggi la situazione non è più così perchè alle spalle hanno qualcuno che gli dice: se si scrivono le regole in questo modo, potremmo essere interessati a fornire un motore” ha aggiunto. “Esiste un’alternativa e una situazione del genere non può non essere considerata. La Ferrari minaccia di lasciare il Circus, ma Liberty può tranquillamente dire: beh, ok, Aston e Ferrari hanno lo stesso mercato e la stessa tipologia di clienti. Volete andare via? Ok, la strada è quella. La F1 ha bisogno di un cambiamento e non di una corsa agli armamenti. Per quanto riguarda Aston, sappiamo quanto è difficile realizzare un power unit competitivo e sappiamo di quanto sia lunga la strada da percorrere”.

“Se ci sarà un cambiamento, magari con una struttura economicamente più sostenibile, saremo i primi a manifestare un’interessamento verso un ruolo attivo all’interno del Circus. Ovviamente lavoreremo con dei partner perchè non è nella intenzione fornire ai nostri clienti una power unit poco performante” ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. -Leon-

    26 Aprile 2018 at 13:19

    No aspetta voglio capire…Aston Martin al pari di Ferrari?
    ma cosa si fumano questa gente?
    Sarà forse che hanno un segmento di mercato in comune, ma qui non si parla di auto stradali, non si parla di fatturato o di quante auto si vendono, qui si parla di un mito…IL MITO FERRARI…. il seguito che ha tra la gente comune che una Ferrari non la guideranno mai…. aston martin vuole competere con questo mito?
    ma x favore ma in che mondo vivete?

  2. idrija

    26 Aprile 2018 at 15:08

    Dai,neanche per le machine stradali non hano ne motori ne cambi devono comprare in Mercedes! Che alternativa? A chi…forse a Marussia!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati