Ferrari riprende il lavoro sulle gomme 2017 con Raikkonen

111 giri per il finlandese in pista a Barcellona

Ferrari riprende il lavoro sulle gomme 2017 con Raikkonen

Dopo essere scesa in pista per la prima volta nel mese di agosto, continua il lavoro della Ferrari nei test per provare le gomme 2017. La Pirelli, infatti, per arrivare preparata al nuovo cambio di regolamento, ha ricevuto l’approvazione della FIA per mettere in pista i propri pneumatici già durante questa stagione in collaborazione con i team di Formula 1.

La Rossa aveva già provato gli pneumatici della prossima stagione quando era scesa in pista a Fiorano i primi di agosto, ma in quella occasione il lavoro era concentrato soprattutto sulle gomme da bagnato.

Dopo un mese di pausa, il team di Maranello e la Pirelli sono tornati nuovamente in pista nella giornata di oggi, questa volta sul circuito spagnolo di Barcellona, provando, a differenza dell’ultima volta, esclusivamente gomme slick. Al volante della SF15-T modificata, che non presentava differenze aerodinamiche rispetto al test di agosto, vi era Kimi Raikkonen: per il finlandese questa è stata la prima volta con le gomme 2017, in quanto a Fiorano a prendere il suo posto era stato Esteban Gutierrez.

Per il campione del mondo 2007 è stata sicuramente una giornata produttiva: 111 giri in totale, 46 nella mattinata e 65 nel pomeriggio. Il programma prevedeva, dopo le consuete correzioni di assetto, un test su gomme da asciutto di mescola Medium.

Domani Raikkonen lascerà spazio al proprio compagno di squadra, Sebastian Vettel, per la seconda ed ultima giornata di test di questa sessione.

Gianluca D’Alessandro

Ferrari riprende il lavoro sulle gomme 2017 con Raikkonen
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

9 commenti
  1. lucaraikkonen

    6 settembre 2016 at 21:49

    Ma con auto sempre più larghe i sorpassi saranno più facili? Mah

  2. BlackPanther

    6 settembre 2016 at 23:26

    Certo, soprattutto a Montecarlo.
    Io sono fiducioso però, le gomme così larghe permettono traiettorie diverse, piuttosto ci passano alla curva della torre di Baku?

    • Gianluca D'Alessandro

      6 settembre 2016 at 23:59

      Secondo me dovranno modificare il cordolo. Già quest’anno hanno tagliato molto sul cordolo per non beccare il muro con la posteriore destra. Quei pochi centimetri in più faranno sì che l’anno prossimo taglieranno ancora di più il cordolo, con il rischio di prenderlo con il fondo, andare dritto e boom 😀

      Quindi o modificano il cordolo o… Beh, sappiamo come finirà 😀

    • lucaraikkonen

      7 settembre 2016 at 12:18

      Non solo. Anche a Monza non c’è tutta sta larghezza di pista. Ed essendo più veloci ci sarà meno spazio e tempo per superare. Ameno di clamorosi errori di chi sta davanti. Saranno divertenti da guidare nei test 🙂 ma credo che in gara vedremo dei gran bel trenini.

  3. Pingback: Test Pirelli a Barcellona–06/09/2016 | «Wait and See...»

  4. f1erally

    7 settembre 2016 at 06:17

    Una domanda fuori tema: ma sapete correttamente le regole per i motori nel 2017??

    Ho sentito che nel 2017 le regole dei gettoni non ci sono più, che significa??

    Sviluppo bloccato per sempre?

    O sviluppo libero??

    • lucaraikkonen

      7 settembre 2016 at 12:15

      Libero. Ovviamente. In ogni caso favorisce Mercedes 😉

    • Gianluca D'Alessandro

      7 settembre 2016 at 12:41

      Lo sviluppo sarà libero, quindi ognuno può sviluppare come gli pare. L’unica cosa bloccata rimane il numero di motori 🙂

    • f1erally

      7 settembre 2016 at 14:33

      veramente questa regola dei gettoni portava il vantaggio soltanto alla Mercedes, a chi era già in vantaggio…

      chiaro che se sei indietro ora puoi fare tutte le prove che vuoi senza per forza limitarti allo sviluppo solo in qualche parte e fin quando hai gettoni!!

      Vedo bene tutti gli altri su questo, ci sarà un gran recupero per chi si trova indietro più di chi è già davanti altro che!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati