Ferrari, in Australia un problema al motore causato dal software FIA

Alonso e Raikkonen con piena potenza solo dopo il primo pitstop

Ferrari, in Australia un problema al motore causato dal software FIA

La Ferrari sarebbe stata poco competitiva nel primo stint del GP Australia a causa di un problema software che ha impedito a Fernando Alonso e Kimi Raikkonen di sfruttare la potenza aggiuntiva del sistema di recupero dell’energia.

Fernando Alonso e Kimi Raikkonen hanno sofferto nei primi giri della gara di Melbourne in quanto impossibilitati ad usare i 120 KW di potenza del sistema MGU-K.

Alonso in particolare ha perso una posizione a vantaggio di Nico Hulkenberg ed è rimasto alle spalle della Force India per tutto il primo stint, perdendo forse la possibilità di lottare per il podio.

La Ferrari ha indagato dopo la gara sul mancato funzionamento del sistema MGU-K e ha rilevato che il problema è stato causato dal modo in cui il software fornito dalla FIA ha interagito con la vettura.

In base all’appendice 3 del regolamento tecnico, i piloti possono usare l’MGU-K solo dopo l’inizio della gara quando la vettura ha raggiunto i 100 Km/h.

La conferma del raggiungimento di questa velocità è registrata da un sistema di controllo gestito da FOM e FIA. Un problema al sistema ha fatto sì che non venisse rilevata la velocità di 100 Km/h delle Ferrari e di conseguenza il sistema MGU-K non è stato attivato automaticamente. Dopo due giri senza MGU-K, Alonso e Raikkonen sono riusciti ad inserire manualmente il sistema. Tuttavia l’MGU-K non ha funzionato correttamente fino al primo pitstop, quando Alonso e Raikkonen hanno potuto finalmente sfruttare appieno il sistema dopo un reset.

Per il GP Malesia la FIA avrebbe fornito alla Ferrari un nuovo software di controllo.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

19 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati