FIA: “Eliminare il limite sul flusso di carburante un rischio per la sicurezza in F1”

Fabrice Lom spiega perchè è inattuabile la proposta Red Bull

FIA: “Eliminare il limite sul flusso di carburante un rischio per la sicurezza in F1”

La FIA ha respinto per motivi di sicurezza l’idea della Red Bull di eliminare la regola sul limite del flusso di carburante in F1. Christian Horner ha dichiarato oggi che alla luce di quanto accaduto a Daniel Ricciardo in Australia e in attesa dell’appello che sarà discusso a metà aprile, la F1 dovrebbe evitare problemi di questo tipo nelle prossime gare.

Secondo Horner il modo migliore sarebbe eliminare il limite di 100 Kg/ora per la gara.

“Abbiamo bisogno di un modo migliore per misurare e monitorare il carburante, o eliminare il limite totalmente e dire ‘avete 100 Kg’, questo è quanto. Sarebbe più facile per la FIA e i team perchè le restrizioni sul flusso di carburante varrebbero solo in qualifica e non ci sarebbe bisogno di abbassare in modo ridicolo i giri del motore a causa della limitazione” ha spiegato Horner.

Ma la FIA ha respinto questa proposta dal momento che approfondite analisi avrebbero dimostrato che eliminare il limite sul flusso di carburante creerebbe situazioni pericolose in pista. I piloti, secondo la FIA, rallenterebbero in rettilineo, causando incidenti.

Fabrice Lom, capo del reparto powertrain della FIA, ha spiegato: “Gli ingegneri sono ingegneri, se hai 100 Kg per la gara, provi a sfruttarli al massimo. Se non ci fosse il limite sul flusso di carburante, la cosa più semplice sarebbe avere un grosso boost all’inizio del rettilineo e poi rallentare. Ci sarebbero grosse e pericolose differenze di velocità tra vetture nello stesso giro, con uno stile di guida non adatto alla F1”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

25 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati