F1 | Wolff e Budkowski favorevoli all’abolizione della galleria del vento nel 2030

I due in coro: "Ad oggi strumentazione assolutamente essenziale, ma tra 10 anni sarà possibile farne a meno"

F1 | Wolff e Budkowski favorevoli all’abolizione della galleria del vento nel 2030

Sembra ormai in dirittura d’arrivo la decisione della Formula 1 di abolire la galleria del vento a partire dal 2030. Questo cambio normativo, volto a rendere il Circus più sostenibile a livello finanziario sarebbe impossibile da attuare nel breve periodo, visto che queste vetture non possono fare a meno di passare da questa strumentazione prima di andare in pista, essendo le più veloci al mondo e aerodinamicamente molto complesse. Ne hanno parlato a proposito Toto Wolff, manager della Mercedes e Marcin Budkowski, direttore esecutivo della Renault.

“C’è stato un accordo in merito e tra qualche anno potrebbe accadere- ha detto Wolff ad Autosport. Tuttavia si tratta di un cambiamento normativo così massiccio che coinvolge anche alcuni aspetti legati alla sicurezza. Non dobbiamo dimenticare che queste vetture sono le più veloci del pianeta e con il maggior carico aerodinamico, non vogliamo sperimentare dal vivo con i piloti delle auto basate sulla fluidodinamica computazionale. Credo comunque che fissare il 2030 come obiettivo per vietare le gallerie del vento sia un percorso che accontenterà tutti e ci aiuterà a rendere lo sport più sostenibile dal punto di vista finanziario”.

“Se ne parla già da un bel po’ – ha dichiarato Budkowski. Credo che la chiave sia prendere questa decisione con largo anticipo rispetto all’effettiva messa in norma. Oggi le gallerie del vento sono essenziali per lo sviluppo di una vettura di Formula 1, e senza questa strumentazione il rischio è quello di arrivare alla prima gara con una macchina completamente diversa da quella prevista. Si possono perdere le correlazioni con la pista, la galleria del vento è un elemento importante. La Formula 1 ama le sfide e penso che sarà fattibile, aumentando il lavoro in fase di simulazione. Ogni volta che ne abbiamo parlato qualcuno voleva attuare questa normativa in due o tre anni, irrealistico. Quindi, come obiettivo di 10 anni, quindi a lungo termine, è decisamente realistico e in linea con il messaggio della sostenibilità che la Formula 1 sta costruendo attorno a sé”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati